Salta al contenuto principale

Immobiliare, nel 2016 crescono le compravendite

In Calabria migliorano i tempi di vendita

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 7 secondi

I segnali positivi colti sul mercato immobiliare nel corso del 2015, sembrano confermarsi anche in questa prima parte del 2016. È quanto è emerso nel corso della consueta conferenza stampa del Gruppo Tecnocasa sull’andamento del mercato immobiliare e creditizio, svoltasi a Cosenza.

“I primi mesi dell’anno – ha dichiarato Antonello Tramma, responsabile Area Manager Calabria- Basilicata Tecnocasa – hanno visto un deciso ritorno all’acquisto anche se, con scenari macroeconomici ancora incerti , la prudenza è d’obbligo” .

Nel primo semestre, i bassi tassi di interesse sui mutui, i prezzi delle abitazioni ormai a livelli minimi ed una rinnovata fiducia hanno determinato un aumento delle compravendite. L’offerta sembra assottigliarsi , soprattutto sulle tipologie di qualità. I tempi di vendita sono in lieve diminuzione, in particolare se l’immobile è correttamente valutato.

“Questi anni di contrazione dei valori e dei volumi – prosegue il responsabile Area Manager Calabria-Basilicata di Tecnocasa – sono una lezione che difficilmente si dimentica. Infatti, chi si avvicina al bene casa oggi è sempre più informato ed attento. Questi elementi ci inducono ad auspicare che il futuro vedrà acquirenti, venditori e professionisti del settore più consapevoli ed in grado di dare il giusto valore dell’immobile. I tempi di vendita – spiga sempre Antonello Tramma – registrati a luglio sono in leggera diminuzione rispetto ad un anno fa. Nelle grandi città, occorrono in media 159 giorni per vendere un immobile, nei capoluoghi di provincia 170 giorni e nell’hinterland delle grandi città 180 giorni. Mentre il 76,5% delle compravendite realizzate attraverso le agenzie del Gruppo ha interessato l’abitazione principale, il 16,7% la casa ad uso investimento ed il 6,8% la casa vacanza, con la qualità immobiliare che continua a premiare, soprattutto per coloro che hanno acquistato la prima casa”.

Un lieve aumento dei prezzi invece, quasi sempre è stato determinato dal volere assicurarsi un immobile con caratteristiche qualitative medioalte, con le case ai piani alti senza ascensori e ai piani terra che restano a lungo sul mercato.

“I prezzi immobiliari diminuiti ed i mutui convenienti infine – conclude infine il responsabile Area Manager Calabria-Basilicata di Tecnocasa – potrebbero dare un’ulteriore spinta alle compravendite nei prossimi mesi, senza dimenticare però che la situazione economica ancora debole potrebbe incidere su una possibile ripresa che ormai sembra imminente. Le nostre previsioni vedono ancora prezzi in calo, tra il -2% e lo 0%, per l’anno in corso, ed in leggero aumento per il 2017. Anche il sentimento espresso dagli operatori è orientato in tal senso. L’andamento generale dell’economia e dell’occupazione non che il comportamento degli istituti di credito, incidendo sulla fiducia dei potenziali acquirenti, contribuirà a confermare o meno questo scenario di mercato