Salta al contenuto principale

Discarica, la lotta continua

Basilicata

Vazzano. Sottolineata l'importanza di "vivere in un ambiente non inquinato". In tanti partecipano ad una manifestazione organizzata dal comitato impegnato a portare avanti problematiche relative all'a

Tempo di lettura: 
0 minuti 42 secondi

La manifestazione organizzata del Comitato civico Antidiscarica si è trasformata in una variegata conferenza sulle problematiche ecologiche del territorio. Nell'accogliente Piazza Umberto i, uniti ai numerosi cittadini di Vazzano, erano presenti associazioni e comitati che nel vibonese sono impeganti a portare avanti tematiche di salvaguardia dell'ambiente nei suoi differenti aspetti. Il vistoso striscione "La città ha il dovere della speranza", raffigurava l'associazione Città aperta di Vibo Valentia, presente con l'avvocato Francesco Tassone. L'associazione Wwf- Calabria era rappresentata da Pino Paolillo, mentre Camillo Pugliese rappresentava "No antenna "di Zungri. Hanno inoltre dato la loro adesione L'Associazione radicale calabrese "Abolire la miseria" con Marco Scaldaferri, Legambiente, il Comitato Salute pubblica Icaa e altre ancora. In particolare sono state sentite le ragioni e le spiegazioni dei rappresentanti del Movimento civico contrario alla realizzazzione a Vazzano di un impianto di smaltimento di rifiuti, con annessa discarica. . Un'altra ragione ritenuta essenziale dal comitato civico è che il Piano regionale dei rifiuti non individua il terreno di Vazzano quale luogo di localizzazzione dell'impianto, ma un altro territorio comunale della provincia vibonese. Tale precisazione non è cosa di poco conto se si pensa che lo stesso piano prevede la possibilità di individuare siti alternativi solo una volta accertata la impossibilità della sua realizzazione nel comune indicato. La giovane studentessa Di Nardo, nel suo efficace intervento ha messo in risalto i rische sanitari e i disastrosi cambiamenti che potrebbero subire le culture e i piccoli allevamenti situati nei terreni limitrofi agli impianti di smaltimento rifiuti. . Seguiti con attenzione sono stati anche i brevi interventi dell'avvocato Tassone e Pino Paolillo che hanno posto l'accento sui temi della tutela dei diritti della gente e del territorio: . Tassone, entrando nel vivo delle querele ha inoltre, detto che un sindaco democraticamente eletto è sempre legittimo quando sta dalla parte dei cittadini. E rischia di diventarlo quando non ci li ascolta più. Alla conferenza presentata e coordinata dal giornalista del Quotidiano, Francesco Lo Duca, sono intervenuti anche Francesco Martelli e Marco Malarico. Il sindaco Mirenzi è stato invitato da Martelli a dire le cose come stanno e a non consegnare alle generazioni future un simile regalo. In conclusione, i cittadini di Vazzano, alla fine della conferenza, hanno potuto pacatamente acquisire nuove conoscenze ed informazioni utili a capire quanto stia accadendo e le responsabilità politiche ed amministrative circa la triste prospettiva dell'invasione di migliaglia di tonnellate di spazzatura da tutta la provincia.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?