Salta al contenuto principale

Rifiuti, smaltimento temporaneo
nella discarica Alli

Basilicata

Il commissario delegato per l'emergenza ambientale nella regione Calabria, ha deciso il conferimento di rifiuti provenienti dagli impianti tecnologici di Rossano, Crotone e Siderno nella discarica di

Tempo di lettura: 
1 minuto 58 secondi

Il prefetto Goffredo Sottile (nella foto), delegato in Calabria al superamento della criticità ambientale ha autorizzato, in via d’urgenza e temporanea, il conferimento di rifiuti provenienti da Rossano, Crotone e Siderno nella discarica consortile di Alli. A renderlo noto, il Comune di Catanzaro. Il quantitativo di rifiuti che sarà conferito ad Alli nell’arco di cinque giorni non supererà le mille tonnellate (corrispondente a circa 15 giorni di conferimento ordinario nell’impianto). Le operazioni si concluderanno domenica prossima, 5 ottobre. L’assicurazione, prosegue la nota, «è stata fornita via fax, in serata, dal dirigente generale del dipartimento Politiche dell’ambiente della Regione, Giuseppe Graziano, su sollecitazione della Giunta comunale». Il sindaco Rosario Olivo, «si è mantenuto in contatto telefonico con il presidente della Giunta regionale Agazio Loiero che, a sua volta, ha ricevuto precise assicurazioni da parte del commissario Sottile sull'effettiva entità quantitativo di rifiuti programmato. Olivo si è tenuto in contatto anche con il presidente della Provincia, Wanda Ferro, in considerazione delle competenze che l’Ente provinciale ha in materia di salvaguardia ambientale». «Olivo e Ferro – è scritto nel comunicato – in linea con gli sforzi che il governo nazionale e il governo regionale, stanno compiendo per superare la grave crisi ambientale costituita dall’emergenza rifiuti nel sud Italia e in Calabria, hanno confermato la disponibilità solidale di Catanzaro ad accogliere la quantità programmata di rifiuti provenienti dagli impianti di Crotone, Rossano e Siderno. È stato ribadito che il limite delle mille tonnellate di rifiuti è da considerare non superabile. Ciò allo scopo di non compromettere la residua capacità della discarica di Alli, legata come è noto al mantenimento dei quantitativi entro il limite massimo delle 100 mila tonnellate annue. Pertanto, se le esigenze di smaltimento dovessero superare la previsione del Piano "Calabria Sud", occorrerà pensare al coinvolgimento di altri Comuni calabresi che vantano discariche ancora non sature». «In ogni caso – è scritto nella nota del Comune – la discarica di Alli non potrà essere ulteriormente utilizzata, pena l’accorciamento della sua vita programmata.
La giunta comunale, che in serata si è occupata a lungo della questione, ha sottolineato che è arrivata in dirittura d’arrivo la procedura per l’approvazione e il finanziamento, da parte della Regione Calabria, del progetto di ampliamento della discarica di Alli. Il progetto sarà esaminato già nelle prossime settimane dalla competente commissione tecnica regionale. L’ampliamento assicurerà all’impianto di Alli il funzionamento per un considerevole numero di anni».

(Fonte: Ansa)

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?