Salta al contenuto principale

I punti fermi della Reggina

Basilicata

Tanta amarezza per il pareggio con il Catania ma le note positive non mancano. Il gioco c'è ma l'arma in più di Orlandi può essere Rakic

Tempo di lettura: 
1 minuto 51 secondi

La Reggina è ancora a secco di vittorie. Contro il Catania, ha sfiorato il successo ma anche rischiato di perdere ancora una volta per un ingenuità che stava costando cara e per i tanti errori commessi davanti a Bizzarri. Il portiere è stato bravo, ma se la Reggina avesse concretizzato una soltanto delle occasioni che ha avuto avrebbe vinto di certo. L'analisi della pertita porta a problemi di impostazione dell'organico, pur essendo partita molto bene ha sbagliato nella zona tiro. Rispetto a Palermo, comunque, la squadra ha mostrato una certa verve offensiva. Merito va all'attenzione degli attaccanti, ma soprattutto per il collegamento che il centrocampo ha saputo organizzare col reparto avanzato. Il volume di gioco è aumentato di molto ma bisogna essre più efficaci nella zona tiro. La presenza di Corradi è essenziale per l'economia del gioco, la difesa è costretta a rimanere guardinga cosa che col Catania è successo fino alla presenza in campo del centravanti senese, salvo poi rimediare con l'ingresso in campo di Rakic che ha cambiato la gare offensiva della Reggina. Sarà stata la superiorità numerica, sarà stata la carica emotiva della squadra, fatto sta che l'ex centravanti del Salisburgo ha dimostrato di essere ben sintonizzato col pallone, e di avere senso della posizione, buon tiro e capacità di controllo e di esecuzione. Quindi si può dire che questo giovane in pochi minuti è diventato il punto di riferimento della squadra trasformando la Reggina nella zona tiro. Che Orlando abbia trovato il sostituto di Amoroso? Il tecnico ha esposto parole di elogio nei confronti del giovane lasciando intendere che si punterà su di lui. All'indomani della nuova delusione alla Reggina restano tanti motivi di consolazione: il gioco ritrovato e la buona prestazione della punta Rakic. La Reggina pensa già a come sfruttare le qualità dei suoi giocatori, soprattutto quelle di Rakic e Di Gennaro, ma anche dei giovani.
Oggi, giornata di riposo per gli amaranto che si ritroveranno mercoledì al centro sportivo Sant'Agata per una seduta pomeridiana. Prima dell' allenamento mister Orlandi incontrerà i giornalisti. Assenti giustificati i nazionali stranieri che rientreranno giovedì della prossima settimana , in tempo per gli ultimi spiccioli di preparazione in vista della gara con la Fiorentina delle settima giornata. La nuova settimana di lavoro della squadra, comincerà mercoledì e finirà sabato.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?