Salta al contenuto principale

Arrestato pedofilo nel reggino

Basilicata

La polizia postale ha intercettato e arrestato un pedofilo di quarant'anni, accusato di diffusione di materiale pedopornografico, vide e foto, su internet

Tempo di lettura: 
1 minuto 2 secondi

Il Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Reggio Calabria ha arrestato un 40enne, D.F., residente in Cittanova (Rc), responsabile dei reati di detenzione e divulgazione di immagini pedo-pornografiche nella rete Internet attraverso un sito americano. Le indagini, frutto della cooperazione internazionale, contro il fenomeno della pedofilia su Internet, condotte dal Compartimento Polizia Postale di Reggio Calabria, sono tese a colpire chi, pur non partecipando direttamente alle violenze sui minori, contribuisce alla diffusione di questo turpe mercato. In particolare, l’attività illecita commessa dall’arrestato è stata accertata nell’ambito delle indagini svolte in collaborazione con organismi investigativi americani, specificamente con il SAFE Team (una task force di investigatori e procuratori americani di cui fa parte anche l'FBI). Durante l’operazione sono stati rinvenuti migliaia di files contenenti veri e propri album fotografici di bambine e un centinaio di dvd vaglio degli esperti informatici della Polizia Postale.
L'operazione che ha portato all'arresto del 40enne, è stata denominata “Dark Angel”. Secondo quanto accertato dagli investigatori, l'uomo utilizzava il sito americano www.namgla.net, che deriva da North American Man Girl Love Association, per diffondere le immagini (foto e video) di bambini coinvolti in atti sessuali con adulti. C'erano 60 iscritti al sito, di cui l’operaio di Cittanova era unico italiano.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?