Salta al contenuto principale

Arresti per droga, cocaina nascosta nei pannolini

Basilicata

Nascondevano la droga anche nei pannolini dei bambini, gli spacciatori caduti nella rete dei carabinieri che hanno eseguito, questa mattina, 50 arresti

Tempo di lettura: 
0 minuti 58 secondi

Sono ancora quattro, le persone che si sono rese irreperibili, 3 di Rosarno e uno della locride, nell’operazione “Black and White”, volta a sgominare il traffico di stupefacenti in città. Facevano parte dell’associazione anche molte donne che avevano il compito di nascondere la cocaina e l’eroina. Altro modo per trasportare lo stupefacente era il collare per la cervicale: nel caso in cui fossero state fermate ai posti di controllo delle forze dell’ordine avrebbero risposto che era necessario a causa di un incidente stradale di cui erano rimaste vittime.

Le direttrici dello smercio di droga erano quattro: Gioia Tauro, Rosarno, i quartieri Arghillà e Ciccarello di Reggio Calabria. Il rifornimento avveniva nei centri di Gioiosa Jonica e Platì, dove la droga veniva acquistata non direttamente da 'ndranghetisti ma da intermediari. Il narcotraffico è controllato infatti dalla cosca che fa capo a Giuseppe Coluccio, il super latitante arrestato lo scorso agosto in Canada, nella zona di Gioiosa Jonica, e dalle famiglie Giorgi-Barbaro nell’are di Platì. I volumi di vendita erano
impressionanti, la rete di spacciatori vendevano in media 60 kg di droga a settimana. L’indagine è durata dal giugno 2006 a dicembre 2007, tramite intercettazioni telefoniche e ambientali.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?