Salta al contenuto principale

Ndrangheta: lavori A/3, protocollo Anas-Prefettura Vibo

Basilicata

Un protocollo d’intesa per la legalità e la sicurezza è stato firmato stamattina a Vibo Valentia tra la prefettura, l’Anas e l’impresa Baldassini Tognozzi Pontello

Tempo di lettura: 
1 minuto 39 secondi

Un protocollo d’intesa per la legalità e la sicurezza è stato firmato stamattina a Vibo Valentia tra la prefettura, l’Anas e l’impresa Baldassini Tognozzi Pontello, relativamente ai lavori di completamento di un tratto di circa 3 km dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria, comprendente la Galleria La Motta. Il protocollo è stato siglato dal Prefetto Ennio Sodano, dal direttore centrale delle nuove costruzioni dell’Anas Gavino Coratza e dal legale rappresentante dell’impresa Luciano D’Onofrio, alla presenza dei rappresentanti di Guardia di Finanza, Carabinieri, Polizia di Stato. Uno degli elementi fondanti del protocollo è l'obbligo per l’impresa appaltatrice di comunicare settimanalmente i nominativi di tutte le maestranze, nonchè l'identificativo di tutti i mezzi che saranno presenti nel cantiere, e di comunicare prima della sottoscrizione dei relativi contratti, alla Prefettura (nonchè all’Anas), i dati anagrafici di tutte le ditte (anche con riferimento ai loro assetti societari) che partecipano alla realizzazione dei lavori quali subappaltatori, fornitori o noleggiatori e, in caso di esito positivo delle verifiche antimafia, procedere all’esclusione delle ditte o a non procedere alla sottoscrizione dei relativi contratti. «Il protocollo siglato oggi – ha dichiarato il Direttore Centrale dell’Anas Gavino Coratza – s'inquadra in una più ampia strategia voluta dal Presidente dell’Anas Ciucci, che punta ad assicurare un elevato standard di trasparenza e legalità agli interventi stradali ed autostradali e, quindi, in particolare a prevenire possibili infiltrazioni da parte della criminalità organizzata. È un modello già sperimentato con successo nel recente passato. Infatti l’Anas negli ultimi anni ha firmato sei protocolli con le Prefetture interessate e le imprese di costruzione, riguardanti gli altri interventi in corso sulla A3». La sinergia e la stretta collaborazione tra Prefettura, Anas ed Impresa appaltatrice – ha continuato Coratza – consentirà di avere un quadro costantemente aggiornato dell’attività del cantiere e delle imprese e degli operai coinvolti. L’Anas, attraverso un report bimestrale, comunicherà al Comitato di Coordinamento per l’Alta Sorveglianza sulle Grandi Opere presso il Ministero dell’Interno l’esito del monitoraggio svolto.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?