Salta al contenuto principale

Aeroprto di Sibari: Papasso(PS), sul progetto notizie inesatte

Basilicata

Gianni Papasso, segretario della federazione di Cosenza del Ps, afferma che la continua divulgazione di notizie inesatte sulla pratica dell'Aereoporto di Sibari desta sconcerto

Tempo di lettura: 
1 minuto 42 secondi

«Desta sconcerto e profonda meraviglia la continua divulgazione di notizie assolutamente inesatte e completamente false, riguardanti la pratica dell’Aeroporto della Sibaritide riferite, probabilmente, al progetto originario dello scalo aeroportuale di terzo livello redatto nel 1988 e che negli anni è stato superato, rielaborato e rapportato con la normativa vigente in materia». Lo afferma Gianni Papasso, segretario della federazione di Cosenza del Ps. Sarebbe interessante conoscere le finalità e gli ispiratori di queste «disinformazioni» . «Sarebbe, soprattutto, interessante – scrive in una nota – conoscere le motivazioni che spingono qualche imprenditore che, invece di preoccuparsi dello scempio urbanistico che ha realizzato sulla costa cassanese, si diletta a diffondere notizie prive di fondamento che hanno ingenerato confusione e allarmismi che non hanno ragione di essere. Ancora una volta, i nemici dello sviluppo sono scesi in campo per remare contro un’importante opera infrastrutturale vitale per l’Alta Calabria per la quale la Giunta Regionale, presieduta dall’On. Agazio Loiero, su proposta e iniziativa dell’Assessore socialista ai lavori, On. Luigi Incarnato, ha già approvato un atto deliberativo destinando un primo finanziamento di 4,9 MECU. Tanto per dare un esempio delle «inesattezze» e delle «falsità» diramate - aggiunge – è il caso di sottolineare che le tratte percorribili, secondo quanto previsto nel progetto, vanno da 2700 a 5200 chilometri in linea d’aria e non 450 e che non è previsto l’utilizzo di ATR 42 con 60 passeggeri a bordo, ma aeromobili Airbus A320 con 145 passeggeri a bordo, Airbus A319 con 134 passeggeri e Boeing B737 con 150 passeggeri. L'aeroporto sarà di «categoria 3C con pista strumentale di precisione CAT. I» ( non di «terzo livello» nomenclatura e categoria ormai sparita dalle normative ICAO) lunga un 1800 m. e larga 45 già predisposta, per come richiesto dall’Enac, per un futuro prolungamento fino a 2560 mt. Ai malamente informati è anche opportuno evidenziare che: nel progetto è chiaramente detto e sottolineato che non vi sarà alcun impatto acustico rilevante o tale da creare problemi o disservizi alle attività ed alle strutture presenti nel comprensorio interessato; le infrastrutture di servizio previste sono state dimensionate secondo gli indici e gli indicatori dettati dalle normative in materia aeroportuale».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?