Salta al contenuto principale

Provincia, firmato protocollo per palazzo ex Carime

Basilicata

Alla firma del contratto preliminare di compravendita tra l'ente provinciale e la società Pirelli Re erano presenti Mario Oliverio, Domenico Bevacqua, Oreste Morcalvallo e Franco Tucci

Tempo di lettura: 
2 minuti 44 secondi

E' stato firmato ieri tra la Provincia di Cosenza e la società Pirelli RE il Contratto Preliminare di Compravendita del palazzo ex Carime di Viale Crati a Cosenza. Erano presenti il Presidente, onorevole Mario Oliverio (nella foto), il Vicepresidente Domenico Bevacqua, l’assessore all’Edilizia, Oreste Morcavallo, il Dirigente del Settore Patrimonio, Francesco Tucci (che per l’Amministrazione ha siglato il contratto) ed i rappresentanti della Pirelli RE. La sottoscrizione dell’atto consente di dare avvio ai lavori di adeguamento degli impianti tecnologici dell’immobile, richiesti dalla Provincia e fissati a carico della parte venditrice, necessari all’allocamento degli uffici, oggi dislocati in varie parti della città, che saranno in esso accorpati. L’acquisto del Palazzo ex Carime, che incrementa il patrimonio immobiliare provinciale, è stato stabilito con una delibera del Consiglio Provinciale dello scorso Luglio ed abbatterà i costi di fitto annui ( 1 milione e 300mila Euro) attualmente sostenuti dall’Ente. Il nuovo Palazzo degli Uffici della Provincia, ubicato in una zona in cui sono presenti numerosi uffici pubblici, agevolerà notevolmente l’accesso per l’utenza, considerata la sua posizione strategica sulla 107 Cosenza-Paola-Crotone, vicina alla stazione ferroviaria, collegata agli svicoli della A3 ed al viale Parco di Cosenza, prossima al tracciato previsto per la metropolitana leggera ed alla nuova strada in Destra Crati. Il nuovo Palazzo degli Uffici della Provincia, il cui prezzo d’acquisto è stato fissato in 7 milioni di Euro, avrà ruolo centrale nella realizzazione e qualificazione del progetto di area urbana. «La firma del contratto preliminare di compravendita- ha dichiarato il Presidente Oliverio- conclude una fase importante di relazione con il venditore ed indirizza verso l’acquisizione definitiva di un immobile che costituisce sicuramente per l'Ente una opportunità. Entro il Febbraio 2009 saranno completati i lavori, che sono a carico del venditore, per l'adeguamento degli impianti tecnologici e dello stato d’uso dell’immobile. Subito dopo inizierà il trasferimento degli uffici».
«Prima della firma - spiega ancora il Presidente della Provincia - ci siamo riservati un periodo di tempo per procedere alle opportune verifiche su quanto sollevato in sede dell’ultima seduta del Consiglio Provinciale da parte di alcuni consiglieri d’opposizione, relativamente alla possibilità di una presenza di amianto e piombo nell’edificio. Al fine di fugare ogni possibile preoccupazione ed ottenere garanzie certe, oltre a quelle fornite dal venditore, abbiamo ritenuto di dover consultare l'Università della Calabria che ha impegnato le sue strutture tecnico-scientifiche per verificare la presenza di amianto e piombo nell’immobile. Le risultanze degli accertamenti hanno escluso questa presenza e ci hanno confermato quanto già era a nostra conoscenza, consentendoci di sgombrare il campo da tentativi di strumentalizzazione che potevano generare confusione e legittima preoccupazione.» "Oggi- sottolinea ancora Oliverio- proprio perchè siamo completamente garantiti e sicuri, abbiamo proceduto alla stipula del contratto preliminare.» » Crediamo- conclude il Presidente- di aver fatto un’operazione conveniente per l’Ente ma soprattutto per la comunità, che ci consentirà di riunire gli uffici sparsi per la città in un’unica struttura, destinata ad essere centrale nell’area urbana.» I lavori di adeguamento degli impianti tecnologici del fabbricato, che avverranno sotto l’alta sorveglianza dei tecnici della Provincia, avranno avvio lunedì prossimo. Precederà l’inizio dei lavori una Conferenza Stampa del Presidente, onorevole Mario Oliverio, fissata per Sabato prossimo, 18 Ottobre, alle ore 11,00 all’interno del Palazzo ex Carime.

(Fonte: Agi)

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?