Salta al contenuto principale

Tassi fino al 50%, arresti tra Catanzaro e Vibo

Basilicata

All'alba la Mobile ha eseguito quattordici ordinanze nei confronti di persone accusate di usura. Alcune di queste sono state ritenute responsabili anche di estorsioni ai danni di un commerciante

Tempo di lettura: 
0 minuti 45 secondi

Un’operazione è stata condotta dalla squadra mobile di Catanzaro per l’esecuzione di 14 ordinanze nei confronti di altrettante persone accusate di usura e, alcune, di estorsione ai danni di un commerciante catanzarese. Alcuni arrestati, secondo gli investigatori, sono legati alle cosche Mancuso e La Rosa, operanti nel Vibonese. Al commerciante, secondo quanto ricostruito dalla polizia, nel periodo compreso tra il 2001 ed il 2006 sono stati fatti pagare tassi usurari che variavano dal 10 al 50% mensile. E quando la vittima aveva difficoltà a saldare il proprio debito, veniva costretto a pagare tramite minacce. Il gip distrettuale di Catanzaro, su richiesta della Dda, ha emesso 11 ordinanze di custodia cautelare in carcere, una ai domiciliari e due provvedimenti di obbligo di presentazione alle forze di polizia uno dei quali non è stato eseguito perchè l'interessato si trova all’estero. I provvedimenti restrittivi sono stati eseguiti dalla squadra mobile di Catanzaro coadiuvata da quella di Vibo Valentia.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?