Salta al contenuto principale

Cosenza, una furia a sinistra

Basilicata

2^ Divisione. Lupi alle prese con diversi infortuni. Oggi intanto allenamento a Fuscaldo. De Miglio: "Tutta la rabbia nell'azione del pareggio"

Tempo di lettura: 
2 minuti 56 secondi

Piove sul feudo dei Bruzi (pur con un sottofondo di una temperatura quasi estiva, ndr) e metaforicamente anche la squadra rossoblù deve proteggersi dal momento particolare che vede molti atleti alle prese con infortuni e altre noie muscolari. Infortuni che mettono in forse (per molti non ci sono speranze) la presenza di alcuni atleti per la gara interna con l’Igea Virtus. Sembra un bollettino medico dal fronte e invece discutiamo e vi raccontiamo dello stato
delle cose nello spogliatoio della capolista del girone C della Seconda Divisione.
In pratica, né Morelli, né Occhiuzzi saranno disponibili per la prossima sfida e
stanno eseguendo lavoro di terapia per avvicinarsi alla forma che gli consentirà di riaggregarsi al gruppo. Così come anche Parisi, che sarà assente domenica prossima. Qualche speranza si nutre per Polani, ma sarebbe anche il caso di non forzare troppo visto che il bomber rossoblù sta giocando stringendo i denti e pedalando già da diverse partite. Mentre Galantucci, che anche ieri ha lavorato
a parte, ha molte chance in più di tornare disponibile. Finale per Musacco che rientrerà disponibile la prossima settimana per la trasferta in posticipo con l’Andria. Non ce da stare allegri dunque e Toscano dovrà mettersi al lavoro per individuare una linea di condotta utile a mandare in campo una formazione valida che deve per forzadi cose centrare la vittoria interna con l’Igea Virtus. Fondamentale l’unità del gruppo e il solito apporto del pubblico per vedere la fine del tunnel degli infortuni e giocare con organico pieno le chance promozione.
OPERAZIONE FUSCALDO
Oggi pomeriggio i Lupi si trasferiranno sul terreno di Fuscaldo, sul tirreno cosentino, per la seduta d’allenamento infrasettimanale che dovrebbe coincidere con una amichevole con la squadra della cittadina balneare. Una consuetudine che andava molto di modo negli anni della cadetteria, quando il Cosenza 1914 viaggiava per i campi della provincia per promuovere la propria immagine e cercare il contatto con i tanti supporter dei territori di riferimento. Una azione coordinata che dovrebbe diventare un metodo operativo per alzare il legame
tra i fan lontani dal capoluogo e la squadra rossoblù che si candida a ritornare in pole position nel calcio professionistico nazionale.
DE MIGLIO SHOW
Portala sua firma l’azione prorompente e insistita che ha ricondotto la gara di domenica scorsa sui binari di parità. Dopo un inizio non brillantissimo, De Miglio (nella foto) era stato messo a riposo per valutare altre soluzioni, ma domenica si è fatto trovare pronto mettendo in campo il meglio delle sue capacità nella fase offensiva sulla corsia di sinistra. «Sono felice per il gol, ma soprattutto per quello che è successo dopo, quando tutti i compagni sono venuti ad abbracciarmi per farmi i complimenti. Era da un po che non giocavo e allora, forse è vero, ho messo tutta la carica e la rabbia in quell’azione. Una vittoria importantissima per la squadra e per la nostra classifica».
Si guarda alla partita di domenica prossima con l’Igea Virtus, dove il Cosenza
e De Miglio cercano conferme. «Dobbiamo dare continuità alla nostra classifica,
in casa è necessario vincere sempre visto che un pubblico come il nostro non ce l’ha nessuno, né in questa categoria, né in altre superiori. Vogliamo e dobbiamo vincere. Se il mister dovesse scegliere di darmi fiducia, spero di poter contribuire al successo della squadra. Chiunque va in campo, dà il meglio delle proprie prestazioni; siamo un gruppo compatto che ha nel suo interno le possibilità per uscire fuori anche da momenti come questi dove gli infortuni ci penalizzano».

Alessandro Russo

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?