Salta al contenuto principale

Omicidio Rende, il Gip dispone sei ergastoli

Basilicata

La guardia giurata era stata assassinata a Reggio Calabria nell'agosto del 2007. La condanna è stata emessa dal Gip Santo Melidona dopo il processo con rito abbreviato

Tempo di lettura: 
0 minuti 39 secondi

Sei persone sono state condannate all’ergastolo per l’omicidio di Luigi Rende, la guardia giurata uccisa nell’agosto del 2007 a Reggio Calabria. La condanna è stata emessa dal Giudice per le udienze preliminari del tribunale di Reggio Calabria, Santo Melidona, al termine del processo con rito abbreviato. Il pubblico ministero, Carmela Squicciarini, aveva chiesto quattro condanne all’ergastolo e due a 30 anni di reclusione. Le persone condannate sono Santo e Giovanbattista Familiari, Giuseppe e Domenico Antonio Papalia, Marco Marino e Giuseppe Francesco Gullì. Il giudice ha deciso anche che i sei imputati dovranno risarcire con un milione di euro la moglie e la figlia della vittima e 150 mila euro agli altri familiari. Luigi Rende fu ucciso nel corso di un conflitto a fuoco con i rapinatori che stavano assaltando un furgone portavalori.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?