Salta al contenuto principale

L'affaire rifiuti centro dell'asse Loiero-Prestigiacomo

Basilicata

Il governatore ha incontrato il ministro all'Ambiente per trovare la soluzione all'annosa questione. Punti di partenza le criticità dovute all'inquinamento industriale a Crotone

Tempo di lettura: 
1 minuto 57 secondi

Si è concluso positivamente il primo vertice sui temi ambientali calabresi tra il ministro, Stefania Prestigiacomo, ed il presidente della Regione, Agazio Loiero. All’incontro, tenutosi a Roma nella sede del Ministero, ha partecipato anche l’assessore all’Ambiente, Silvio Greco. «Il presidente Loiero ha voluto sensibilizzare il ministro Prestigiacomo sulle politiche regionali per la tutela ambientale e sulle principali questioni su cui serve la piena collaborazione istituzionale con lo Stato. Nelle prossime settimane saranno approfonditi tutti gli aspetti tecnico-politici legati ai singoli temi al centro del confronto. Oggi, intanto, si è parlato di come iniziare ad affrontare il passaggio legato alla scadenza del prossimo dicembre del Commissario all’emergenza rifiuti, convenendo che l’impegno comune deve andare nella direzione di superare questa fase, tenendo però conto della catastrofica situazione ereditata, ha detto il presidente Loiero, che necessita, quindi, di interventi altrettanto straordinari, con la messa in campo di professionalità ed esperienze adeguate, come hanno convenuto anche la stessa Presidenza del Consiglio dei ministri e la Protezione civile». «Un altro punto centrale su cui Stato e Regione – prosegue la nota – dovranno lavorare assieme è su come affrontare e risolvere tutte le criticità dovute all’inquinamento industriale a Crotone. Il sito da bonificare è di interesse nazionale e quindi serve un’accelerazione per la convocazione delle conferenze di servizio necessarie all’azione di disinquinamento prima e di deindustrializzazione poi». Il presidente Loiero ha anche ricordato al ministro Prestigiacomo «la necessità di un maggiore impegno per la protezione ambientale sia legata all’alluvione che colpì Vibo Valentia, che alla difesa del suolo di molte zone a rischio frana. Su quest’ultimo aspetto il ministro ha già pronto l'impegno per l’assegnazione del finanziamento disponibile per i progetti selezionati dalla Regione Calabria». L’assessore Greco ha anche illustrato «gli aspetti positivi legati al sostegno regionale verso biodiversità, educazione ambientale e eco-sostenibilità», chiedendo anche «una collaborazione aggiuntiva del ministero, anche perchè nei mari calabresi gli scienziati hanno rintracciato specie animali e vegetali che si ritenevano estinte nel Mediterraneo». Il presidente Loiero, infine, ha chiesto «di incrementare l'impegno finanziario dello Stato per realizzare opere di forestazione e riforestazione, nonchè aree verdi nelle zone urbane e preurbane». Il ministro Prestigiacomo, riferisce la nota della Regione, “ha dimostrato l’interesse del Governo ad avviare un lavoro comune su questi temi al fine di verificare se esiste la possibilità di soluzioni condivise in Calabria»

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?