Salta al contenuto principale

Galfano si guarda alle spalle

Basilicata

2^ Divisione. Il mister della vibonese pensa a schierare Taua dall'inizio: "Dobbiamo vincere per la classifica"

Tempo di lettura: 
1 minuto 58 secondi

Non ha fatto particolari drammi, anche perché Angelo Galfano ha saputo andare oltre il risultato. La sconfitta di Monopoli, giunta dopo sette risultati utili consecutivi, insomma, è stata metabolizzata presto in casa rossoblu.
«A Monopoli – ha esordito Galfano - nel primo tempo la squadra ha giocato bene, creando anche i presupposti per passare in vantaggio. In particolare, mi riferisco all’occasionissima, clamorosa, del palo di Melis, al termine di una
bellissima azione tutta in verticale. Poi, però, siamo rimasti in dieci, e l’inferiorità numerica ha pesato molto».
Proprio il rosso ad Orefice, che quindi salterà la prossima gara casalinga contro la Val di Sangro, ha fatto infuriare tanto il tecnico rossoblu Angelo Galfano. «Non ho mai inveito contro gli arbitri – ha fatto sapere - ma a Monopoli l’atteggiamento del direttore di gara è stato davvero irritante.
La distribuzione dei cartellini non è stata assolutamente equa, senza considerare poi l’espulsione combinata ad Orefice, sicuramente esagerata, come
chiunque avrà avuto modo di notare dalle immagini televisive.
Un’espulsione – ha riferito ancora l’allenatore della vibonese – che mi ha fatto
arrabbiare anche perché inevitabilmente l’inferiorità numerica ha influito sulla prestazione e anche sul risultato».
Archiviato il ko di Monopoli, il tecnico rossoblu guarda avanti. Domenica al Luigi Razza ci sarà la Val di Sangro, una diretta concorrente per la salvezza.
«E’ una squadra scorbutica - ha affermato Galfano - e non bisogna dimenticare
che nell’ultimo turno di campionato ha fermato sul pari il Gela. In questo campionato, così come i risultati stanno dimostrando, non ci sono partite facili. Pertanto, quella di domenica, sicuramente non sarà una gara agevole per noi, ma la Vibonese deve assolutamente tornare alla vittoria, per mantenere almeno invariato il vantaggio sulle ultime».
Infine, una battuta su Taua (nella foto), che, come scritto nell’edizione di ieri, domenica potrebbe partire titolare. «Questa volta – ha detto in merito Galfano – non è escluso che possa giocare dall’inizio. Vedremo, però, cosa succederà nei prossimi giorni. In casa, contro squadre che si chiudono – ha chiosato l’allenatore della Vibonese – l’imprevedibilità di Taua potrà tornarci sicuramente utile».
NOTIZIARIO
La squadra ieri si è allenata a San Gregorio, e con il resto del gruppo è tornato ad allenarsi anche Di Stani, che per infortunio ha saltato la trasferta di Monopoli. Questa mattina, intanto, irossoblù, sul sintetico di Filadelfia, in famiglia, sosterranno la consueta amichevole infrasettimanale per provare gli schemi.

Antonino Schinella

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?