Salta al contenuto principale

Operazione Symposium, Nastro sospeso

Basilicata

Al professore Alfonso Nastro, le fiamme gialle, hanno notificato la misura cautelare della «sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio o servizio»

Tempo di lettura: 
1 minuto 6 secondi

Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Catanzaro ha notificato oggi al prof. Alfonso Nastro, ordinario della cattedra di «Materiali per la gestione ambientale e di tecnologia chimica applicata alla tutela ambientale» alla Facoltà di Ingegneria dell’Università della Calabria, la misura cautelare della «sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio o servizio», con conseguente interdizione temporanea dall’attività di insegnamento universitario. Nastro è stato coinvolto nell’Operazione «Symposium», che il 17 novembre ha portato all’arresto di 3 imprenditori ed al sequestro di beni per oltre 70 milioni di euro, tra cui il villaggio turistico «La Pace», nel vibonese, l’impresa «Vecchio Costruzioni Generali srl» e l'impresa «Vecchio Prodotti in Ceramica srl», nel reggino, per truffa, indebita percezione di finanziamenti pubblici ed altro. Sempre oggi, i finanzieri hanno notificato ad un altro degli indagati, Giuseppe Vecchio, tuttora agli arresti domiciliari , la medesima ordinanza, che dispone, per la «Vecchio Prodotti in Ceramica s.r.l.», l’esclusione dai finanziamenti pubblici e la revoca di quelli già concessi. Invece per l’impresa «Vecchio Costruzioni Generali s.r.l.», è stato disposto il divieto di contrattare con le pubbliche amministrazioni per un anno. I provvedimenti interdittivi sono stati emessi dal Giudice per le Indagini Preliminari di Reggio Calabria, su richiesta della locale Procura della Repubblica, sulla base degli elementi emersi nel corso degli interrogatori degli indagati.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?