Salta al contenuto principale

A Rende una mostra dedicata ad Emingway

Basilicata

La mostra intitolata «cercando Hemingway», sarà inaugurata ufficialmente il prossimo 4 dicembre all'Università della Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 44 secondi

S'intitola «cercando Hemingway» la mostra, dedicata al grande scrittore americano del quale il prossimo anno ricorre il 110 anniversario della nascita, che sarà inaugurata il prossimo 4 dicembre, alle 17,30, negli spazi espositivi antistanti l’Aula Magna dell’Università della Calabria. L’iniziativa è stata promossa dall’Ateneo di Arcavacata in collaborazione con il pittore calabrese Franco Azzinari, che ha vissuto a lungo nei luoghi più amati da Hemingway durante la sua vita, Cuba e l’Africa, e che in splendide tele ha dipinto i momenti, i personaggi, gli ambienti e le peculiarità più significativi di quelle realtà. Si tratta, in sostanza, di opere attraverso le quali Azzinari ricostruisce le vicende salienti della vita di Hemingway, che hanno trovato spazio e rappresentazione in pagine di letteratura memorabili e attraverso film entrati nella storia del cinema mondiale, ma che Azzinari, con la maestria che tutti gli riconoscono, riesce a riproporre con toni e colori di suggestiva intensità. Alla cerimonia di inaugurazione, insieme al Rettore, prof. Giovanni Latorre, e al pittore Franco Azzinari, presenzieranno anche docenti e studenti dell’Ateneo, autorità civili e religiose. È prevista anche la partecipazione adell’Ambasciatore cubano in Italia S.E. Rodney Alejandro Lopez Clemente, che sarà accompagnato dalla consorte, Lourdes Diaz, Consigliere per gli Affari Scientifici ed Educativi dell’Ambasciata. Per la particolare occasione, è stato preparato un catalogo contenente tutti i lavori di Azzinari che saranno presentati nella mostra. «Azzinnari – spiega il Rettore dell’UniCal Giovanni Latorre - ha dedicato particolare attenzione alla figura e all’esperienza di Emingway, di cui il prossimo anno ricorrerà il 110 anniversario della nascita, e dalla sua vita, aperta ad una costante ed originale introspezione del mondo e della natura, ha tratto forte e particolare ispirazione, realizzando opere di straordinaria bellezza e intensità. Azzinnari – ha concluso Latorre – con questa mostra offre un originale e significativo contributo alla conoscenza dello scrittore americano, una mostra che, certamente, riceverà l’apprezzamento e la considerazione che si debbono alle grandi iniziative in grado di lasciare il segno per il forte impatto culturale e la capacità di aprire ai momenti e ai personaggi più significativi di ogni tempo».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?