Salta al contenuto principale

Arresto Nirta, in libertà la moglie

Basilicata

E' stata rimessa in libertà Aurelia Strangio, moglie di Giuseppe Nirta, uno dei capi dell’omonima cosca di San Luca arrestato lunedì ad Amsterdam

Tempo di lettura: 
0 minuti 41 secondi

Aurelia Strangio è sorella di Giovanni Strangio, ritenuto uno degli autori della strage di Duisburg nella quale furono uccisi sei presunti affiliati alla cosca dei Pelle-Vottari. L’estradizione di Nirta in Italia è prevista nelle prossime settimane. L’uomo è attualmente sotto processo davanti ai giudici della Corte d’assise di Locri, per il reato di associazione mafiosa nell’ambito dell’inchiesta coordinata dal pm della Dda di Reggio Calabria, Nicola Gratteri, sulle cosche di San Luca, protagoniste di una sanguinosa faida.
Gli investigatori sospettano che Nirta possa essere la persona che, insieme a Giovanni Strangio, portò a termine la strage in Germania. A questa ipotesi si è giunti dopo che nell’ottobre del 2007 fu ritrovata a Gent, in Belgio, l'automobile utilizzata per la fuga dopo la strage. A bordo del mezzo furono trovate impronte e tracce del Dna di Nirta e Strangio.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?