Salta al contenuto principale

Catanzaro, forestali in agitazione

Basilicata

Gli impiegati del Servizio provinciale Afor hanno proclamato lo stato di agitazione per la mancata applicazione del contratto nazionale di lavoro. I lavoratori hanno scritto a Pirillo

Tempo di lettura: 
0 minuti 58 secondi

Gli impiegati del Servizio provinciale Afor di Catanzaro hanno proclamato lo stato di agitazione per la mancata applicazione del contratto nazionale di lavoro nella parte che li riguarda. I lavoratori hanno scritto all’assessore regionale alla Forestazione, Mario Pirillo, lamentando che la loro vertenza si è arenata nelle sedi della Direzione generale Afor e del Dipartimento Forestazione della Regione. «Il non riconoscimento del contratto di lavoro, parte impiegati – è scritto tra l’altro nella lettera – in virtù del passaggio imminente alle Province crea forti preoccupazioni ai lavoratori in quanto vi è il rischio di passare alle stesse con le mansioni da operaio». «Dopo aver lavorato per anni con impegno e serietà al servizio dell’Afor – prosegue la lettera – non vedersi riconosciuti i propri diritti dal datore di lavoro è un atto molto grave. È per questo che i lavoratori, loro malgrado, comunicano che da oggi, di concerto con le organizzazioni sindacali di categoria, Flai-Cgil, Fai-Cisl e Uila-Uil, viene proclamato lo stato di agitazione. Saranno paralizzate tutte le attività d’ufficio, contabili, tecniche ed amministrative, non verranno effettuati il pagamento dei salari degli operai, l'attivazione e l’invio della cassa integrazione all’Inps e tutti gli altri atti inerenti alle attività».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?