Salta al contenuto principale

Pedofilia, in Calabria due indagati

Basilicata

Arrestate 5 persone a conclusione di un'indagine del Nit di Siracusa, contro la pedofilia. Due persone indagate in Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 59 secondi

C'è anche uno specialista addetto alla gestione della rete informatica della Procura della Repubblica di Catania tra le cinque persone arrestate per un traffico di materiale pedofilo su internet a conclusione di un’indagine del Nit, il Nucleo investigativo telematico della Procura di Siracusa. Gli altri quattro arresti sono stati eseguiti due a Reggio Emilia, uno all’Aquila e uno a Roma. Sono state effettuate inoltre 41 perquisizioni.
La posizione del tecnico della Procura di Catania riguarda la diffusione di oltre ottocento video pedofili, alcuni dei quali riconducibili a circuiti del «turismo sessuale». A Reggio Emilia gli arrestati sono un commerciante di 33 anni e un operaio di 46 anni, nelle cui abitazioni è stato sequestrato un ingente quantitativo di materiale pedopornografico. In Emilia Romagna carabinieri e guardia di ginanza hanno eseguito perquisizioni nelle province di Modena, Parma, Reggio Emilia, Cesena e Ravenna. A L’Aquila è stato arrestato un impiegato di 59 anni nella cui casa sono stati sequestrati molti video e immagini a contenuto pedopornografico. A Roma, infine, un pensionato di 60 anni, è stato arrestato in flagranza per divulgazione e detenzione di ingente quantità di materia pedopornografico.
L'operazione denominata «Anime bianche» ha impegnato 150 uomini dei carabinieri, della guardia di finanza e della polizia postale, coordinati dal procuratore di Siracusa, Ugo Rossi. Lo spunto investigativo è venuto da una serie di denunce presentate dall’associazione Telefono Arcobaleno presieduta da Giovanni Arena. Scoperto un vasto traffico di video pedofili on line per il quale oltre ai 5 arrestati sono indagate per l’ipotersi di «divulgazione di materiale pedopornografico in associazione per delinquere» altre 41 persone. La maggior parte di loro risiede in Emilia Romagna, Lazio, Veneto e Lombardia, 4 in Sicilia, 3 in Piemonte, 3 in Puglia, 2 in Campania, 2 in Calabria, 1 in Toscana, 1 in Umbria, 1 nelle Marche, 1 in Liguria, 1 in Abruzzo. Gli indagati hanno un’età media di 45 anni e appartengono a tutte le categorie sociali: operai, professionisti, militari, fotografi, impiegati statali, imprenditori e commercianti.
L'indagine, avviata circa un anno addietro, si è sviluppata in cooperazione internazionale con altri Paesi del eentro e dell’Est Europa che saranno a Siracusa nelle prossime ore per un vertice necessario a coordinare il prosieguo dell’attività investigativa e per approfondire i dati che sono stati finora raccolti a Siracusa e sono relativi a centinaia di persone coinvolte nel traffico di filmati pedopornografici. Nei video sequestrati figurano bambine costrette a subire coercizioni criminali fortemente degradanti e umilianti. E' emersa una stretta connessione tra pedopornografia e turismo sessuale.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?