Salta al contenuto principale

Dissequestrati gli atti di Why Not

Basilicata

Il decreto è giunto questa mattina negli uffici della procura della Repubblica di Salerno all’attenzione del procuratore Luigi Apicella, e consentirà il proseguo dell'inchiesta

Tempo di lettura: 
0 minuti 39 secondi

E' giunto questa mattina negli uffici della procura della Repubblica di Salerno il decreto del dissequestro degli atti dell’inchiesta Why Not. Il documento, che è all’attenzione del procuratore di Salerno, Luigi Apicella, consentirà ai pubblici ministeri della procura campana, secondo l’accordo sottoscritto con la procura generale di Catanzaro, di fare copia dei documenti e degli atti necessari al proseguimento dell’inchiesta sugli stessi magistrati del capoluogo calabrese, ritenuti responsabili di una serie di illeciti. La procura di Salerno, sempre secondo l’accordo che ha sancito una tregua tra i due uffici giudiziari, dopo aver estratto copia dei documenti, consegnerà nel più breve tempo possibile all’ufficio del pg di Catanzaro tutti i faldoni dell’inchiesta la cui titolarità era dell’ex pm Luigi De Magistris, ora giudice del riesame a Napoli.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?