Salta al contenuto principale

Indiano arrestato nel Catanzarese

Basilicata

L'operazione finalizzata alla ricerca di cittadini extracomunitari privi del permesso di soggiorno è stata condotta della Compagnia dei Carabinieri di Soverato

Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

E' di un arresto ed una denuncia il bilancio di una vasta operazione della Compagnia Carabinieri di Soverato, finalizzata alla ricerca di cittadini extracomunitari privi del permesso di soggiorno e che ha interessato il comune di Davoli ed in particolar modo la frazione marina. L’operazione ha portato all’identificazione di tre cittadini indiani privi del permesso di soggiorno. I tre abitavano in una casa nella frazione marina del comune di Davoli, composta da due stanzette e un bagno, e risultata poi di proprietà di P.S., cinquantaquattrenne di Davoli, per cui hanno dichiarato di pagare un affitto mensile di circa duecento euro. A seguito dei controlli effettuati presso la Banca Dati delle Forze di Polizia, è risultato che uno dei tre indiani, un imbianchino di 41 anni, Chumber Inderjit , era già stato colpito da un decreto di espulsione emesso nell’aprile di quest’anno nei suoi confronti dal Questore di Cremona. Per questo motivo l’uomo è stato dichiarato in stato di arresto ed è stato accompagnato al carcere di Catanzaro-Siano in attesa del rito per direttissima.
Gli altri due cittadini indiani, entrambi braccianti agricoli, pure privi del permesso di soggiorno, sono stati accompagnati invece alla Questura di Catanzaro per l’emissione del decreto di espulsione. Avranno a disposizione cinque giorni per lasciare l’Italia, trascorsi i quali, se rintracciati nuovamente in territorio nazionale, saranno passibili di arresto.
I Carabinieri di Davoli hanno inoltre deferito all’Autorità Giudiziaria il proprietario dell’immobile in cui abitavano i tre, responsabile di aver ceduto in affitto un’abitazione di sua proprietà, a titolo oneroso ed al fine di trarne un ingiusto profitto, ai tre cittadini indiani privi del permesso di soggiorno. L’immobile è stato ora posto sotto sequestro: se il proprietario dovesse riportare una condanna con provvedimento irrevocabile, la casa potrebbe anche essere confiscata a titolo definitivo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?