Salta al contenuto principale

Why not, chiuse le indagini

Basilicata

L'avviso di conclusione dell’inchiesta Why not è stato emesso dalla Procura generale di Catanzaro

Tempo di lettura: 
0 minuti 59 secondi

L'avviso di conclusione dell’inchiesta Why not è stato emesso dalla Procura generale di Catanzaro nei confronti, tra gli altri, del presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero, dell’ex vice presidente, Giuseppe Chiaravalloti, di assessori ed ex assessori regionali, consiglieri, del sindaco di Cosenza Salvatore Perugini, di politici, funzionari regionali. Tra i destinatari dell’avviso figura anche il deputato Giovanni Dima, del Pdl, ex consigliere regionale calabrese di An.
Tra gli altri destinatari dell’avviso figurano il capogruppo del Pd alla Regione ed ex vice presidente della Giunta, Nicola Adamo; il consigliere regionale ed imprenditore Sergio Abramo, candidato del centrodestra alle presidenza della Regione nelle elezioni del 2005; l’ex consigliere regionale Domenico Basile, di An; l’ex consigliere regionale dell’Udc Dioniso Gallo; il consigliere regionale di Fi Giuseppe Gentile; gli assessori regionali Luigi Incarnato dello Sdi e Mario Pirillo del Pd; l’ex assessore alla sanità Giovanni Luzzo, dell’Udc; il consigliere regionale di An Franco Morelli; l’ex parlamentare dell’Udeur Ennio Morrone; il consigliere regionale di Fi Antonio Pizzini; il consigliere regionale di An, Antonio Sarra; l’ex assessore regionale all’ambiente de Verdi Diego Tommasi, e l’ex assessore regionale dell’Udeur Pasquale Maria Tripodi.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?