Salta al contenuto principale

Racket, quattro arresti a Rende

Basilicata

Due degli arrestati, Mario Oliveti, di 29 anni, pregiudicato, e Gianni Travo, di 30, incensurato, sono stati bloccati mentre intascavano la tangente dall’imprenditore

Tempo di lettura: 
0 minuti 42 secondi

La Polizia ha arrestato quattro persone a Commenda di Rende con l’accusa di estorsione ai danni di un imprenditore titolare dell’appalto per la realizzazione dell’impianto di pubblica illuminazione ad Aprigliano (Cosenza). Due degli arrestati, Mario Oliveti, di 29 anni, pregiudicato, e Gianni Travo, di 30, incensurato, sono stati bloccati mentre intascavano la tangente dall’imprenditore, col quale avevano concordato un incontro in un bar. Gli altri arrestati, Mario Musacco, di 58 anni, presunto affiliato alla cosca Perna di Cosenza, ed il cugino Giuseppe Musacco, di 54, incensurato, sono accusati di essere stati i mandanti dell’estorsione. Agli arrestati viene contestata l'estorsione con l’aggravante delle modalità mafiose. Secondo quanto è emerso dalle indagini della Squadra mobile di Cosenza, che ha eseguito gli arresti, all’imprenditore era stata imposta una tangente del tre per cento sull'importo di 400 mila euro dell’appalto concesso dal Comune di Aprigliano.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?