Salta al contenuto principale

Corte dei Conti evidenzia criticità debiti fuori bilancio

Basilicata

La Corte dei Conti rileva «criticità» nella situazione dei debiti fuori bilancio di quattro delle cinque Province calabresi e dei comuni capoluogo

Tempo di lettura: 
1 minuto 51 secondi

La situazione dei debiti fuori bilancio di quattro delle cinque Province calabresi e dei comuni capoluogo è di «criticità». Solamente la Provincia di Cosenza non è interessata da tale fenomeno. A rilevarlo è la sezione di controllo della Corte dei Conti.
Con riferimento alle amministrazioni provinciali di Catanzaro, Vibo, Crotone e Reggio Calabria, sono stati esaminati un totale di 156 provvedimenti di riconoscimento di debiti fuori bilancio. Nel triennio 2005-2007 i debiti riconosciuti ammontano a complessivi 16 milioni 870 mila euro, dei quali l’81,14% è relativo ad oneri derivanti da sentenze esecutive. Seguono in ordine di incidenza percentuale le altre fattispecie contituite dalla ricapitalizzazione di società a partecipazione pubblica con il 16,33% (province di Crotone e Reggio Calabria), l'acquisto di beni e servizi di pubblica utilità con l’1,99% (tutte le province), gli oneri relativi a disavanzi di aziende speciali con lo 0,54% (Crotone).
Circa le modalità di copertura la Corte dei Conti ha registrato l’utilizzo delle disponibilità di parte corrente di bilancio nella misura del 58% dei debiti complessivi riconosciuti dalle province e dell’avanzo di amministrazione nella misura del 42%. Un elemento di rigidità delle manovre di bilancio è rappresentato dall’incidenza dei debiti riconosciuti sull'attività ordinaria degli enti nella misura del 2,21% sulle entrate correnti e nella misura dell’1,11% sugli impegni. Per quanto riguarda le amministrazioni comunali sono stati esaminati un totale di 138 provvedimenti. I debiti riconosciuti ammontano complessivamente a 40 milioni 913 mila euro, dei quali l'importo di 30 milioni 657 mila euro riguarda il Comune di Reggio Calabria, con una percentuale del 75% sul totale dei debiti riconosciuti nel triennio. Dei debiti complessivi riconosciuti, l’82% è relativo ad oneri derivanti da sentenze, e il 15% ad oneri derivanti da acquisto di beni e servizi. Le fattispecie costituite dalla ricapitalizzazione di società partecipate e dagli espropri rispettivamente con il 2% e l’1% hanno carattere residuale rispetto agli oneri complessivi riconosciuti nel triennio. Nella relazione del magistrato Anna Bombino si evidenzia che “le criticità e le anomali rilevate negli atti di riconoscimento dei debiti fuori bilancio e la loro elevata ricorrenza nelle realtà amministrative monitorate dovrebbero opportunamente indurre gli enti e soprattutto gli organi consiliari, quali organi di controllo delle scelte degli organi esecutivi dell’amministrazione, a dotarsi di opportuni strumenti onde evitare il fenomeno dei debiti sommersi e della crescita degli impegni finanziari svincolati da una rigorosa politica di bilancio».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?