Salta al contenuto principale

Povertà: il piano della giunta regionale

Basilicata

La Giunta regionale ha deciso di predisporre il Piano di lotta alla povertà, vista l'allarmante situazione socio economica in cui versa la Calabria

Tempo di lettura: 
4 minuti 5 secondi

Le allarmanti condizioni socio-economiche in cui versa la Calabria, gravate ancor di più dalla contingente recessione economica internazionale, sollecitano una mirata azione di contrasto al disagio crescente e all’avanzare della povertà.
È da questa considerazione che è partita la Giunta regionale per la predisposizione del Piano di lotta alla povertà. Il «Piano degli interventi a sostegno delle situazioni di povertà», mai realizzato prima, dopo l’avvio della nuova programmazione 2007-2013, va inquadrato come strumento specifico e aggiuntivo rispetto agli interventi previsti nelle azioni programmatiche organiche, tra le quali il «Piano Regionale degli interventi e dei Servizi Sociali e indirizzi per la definizione dei Piani di zona», il «Testo Unico sul Lavoro» e il «Piano Regionale per il Lavoro e l’Occupazione», già definiti per i quali è in corso l’iter di approvazione.
Il Piano si articola secondo alcune linee di programmazione: azioni a favore del sollievo delle famiglie; azioni a sostegno dell’inserimento lavorativo dei soggetti in difficoltà; accesso al microcredito.
Per quanto riguarda le Azioni a favore del sollievo delle famiglie, queste comprendono: finanziamenti agli Enti locali (in aggiunta al completo trasferimento delle funzioni) per la realizzazione o il potenziamento di servizi domiciliari in favore delle famiglie; aiuti alle famiglie attraverso le organizzazioni del terzo settore per l’attuazione di specifici progetti volti alla rimozione degli ostacoli, a iniziare dalle esigenze alimentari che impediscono o rallentano la piena realizzazione delle potenzialità umane, culturali, professionali, psicologiche, di persone e nuclei familiari che vivono in condizioni di degrado, indigenza, emarginazione; potenziamento del programma regionale finalizzato all’occupazione di donne che vivono in condizioni di povertà e grave disagio sociale nell’ambito di un programma di interventi per la tutela della maternità delle donne non occupate, ragazze madri con figli a carico; donne separate e con figli a carico; donne con coniuge detenuto e con figli a carico; vedove con figli a carico con basso o bassissimo reddito; donne con coniuge disoccupato, con figli a carico, e con basso o bassissimo reddito; finanziamenti finalizzati all’acquisto della prima casa da parte di giovani coppie, favorendo i nuclei con basso reddito e/o appartenenti a nuclei familiari aventi portatori di handicap; buoni per l’affitto; reddito sociale di cittadinanza; realizzazione o potenziamento di centri e di servizi di pronta accoglienza in favore di persone senza fissa dimora.
Le azioni a favore dell’inserimento lavorativo dei soggetti in difficoltà trovano sostegno soprattutto nelle risorse comunitarie nell’ambito della programmazione del Por-Fse 2007-2013. I destinatari sono persone appartenenti a categorie svantaggiate quali portatori di handicap fisici e mentali, ex detenuti, cittadini extracomunitari, nomadi, tossicodipendenti ed ex tossicodipendenti, sieropositivi, persone appartenenti a minoranze etniche, alcolisti ed ex alcolisti, persone inquadrabili nei fenomeni di nuova povertà, persone che intendono uscire dalla prostituzione.
Le linee d’intervento contengono: azioni di sviluppo di capacità; finanziamenti per interventi di formazione generale in favore di soggetti svantaggiati occupati; finanziamenti per interventi di formazione generale in favore di soggetti svantaggiati disoccupati; finanziamenti per la creazione d’impresa ed autoimpiego da parte di soggetti svantaggiati sulla base di progetti presentati da organizzazioni non profit; azioni di stabilizzazione occupazionale di svantaggiati, occupati, disoccupati; finanziamenti per la realizzazione di misure di sostegno finalizzate a favorire l’accesso e la fruizione di credito o microcredito per attività o servizi a carattere economico.
Per quanto riguarda il microcredito, questo è uno strumento di finanza etica, utile nella lotta alla povertà ed alla esclusione sociale e consiste nella erogazione di piccoli prestiti prevalentemente a soggetti che tradizionalmente sono esclusi da circuiti finanziari non avendo garanzie da offrire al sistema bancario tradizionale. Con tale strumento è possibile sostenere la crescita socio-economica di persone a rischio di povertà; favorire il reinserimento socio-economico di soggetti esclusi o ai margini del mercato del lavoro; creare i presupposti per la rigenerazione di aree economiche depresse, sostenendo la nascita o lo sviluppo di piccole imprese nell’agricoltura, nell’artigianato, nei servizi alla persona, nel commercio, nell’economia sociale (società cooperative); favorire i percorsi di autoimpiego di soggetti svantaggiati o socialmente emarginati intenzionati ad emergere.
Il Piano prevede anche la costituzione di un Osservatorio permanente, uno strumento di analisi, monitoraggio e valutazione che si propone di realizzare, tra l’altro: il monitoraggio delle situazioni di difficoltà e di disagio individuale e familiare; la verifica dell’impatto dei provvedimenti e degli interventi istituzionali per garantire un supporto di informazione di orientamento a Regione, Enti Locali e soggetti del Terzo Settore, finalizzato a programmare azioni mirate, ad arginare fenomeni di marginalità e a favorire percorsi di cittadinanza attiva; elaborazione di specifiche proposte di interventi mirati e di raccordo tra le politiche di Enti ed Istituzioni. Dell’Osservatorio faranno parte l’assessore alle Politiche sociali della Regione; il dirigente del settore Politiche sociali più un funzionario dello stesso settore; un rappresentante per ogni Provincia; due rappresentanti per Anci; tre rappresentanti dei sindacati; un rappresentante della Conferenza Episcopale; un rappresentante del Forum delle famiglie; un rappresentante del Forum del terzo settore.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?