Salta al contenuto principale

Sindacati preoccupati per lo Stretto

Basilicata

Secondo Filt Cisl e Ora «è indispensabile che gli organi preposti affrontino il problema delle infrastrutture a terra per far sì nasca il nuovo sistema di attraversamento

Tempo di lettura: 
0 minuti 50 secondi

I sindacati Fit Cisl e Orsa si dicono «molto preoccupati per l’evolversi della situazione sul sistema di attraversamento dello Stretto di Messina». «Il previsto avvio del collegamento della metropolitana del mare, a causa della mancata infrastrutturazione a terra dell’approdo di Papardo e Reggio-Aeroporto – spiegano in una nota dopo un incontro con il direttore della navigazione di Rete ferroviaria italiana – ha fatto sì che si determinassero dei ritardi che non ne hanno consentito la partenza nei tempi previsti». «Il paradosso – sottolineano i sindacati – è che se questi ritardi si dovessero protrarre nel tempo, Rfi potrebbe, a partire da marzo, sospendere gli attuali collegamenti in quanto l’attuale sistema di mezzi veloci a partire dallo scorso 1 gennaio non gode più di finanziamento». Secondo Filt Cisl e Ora «è indispensabile, pertanto, che gli organi preposti affrontino da subito il problema della realizzazione delle infrastrutture a terra per far sì che questo nuovo sistema di attraversamento che dovrebbe dare impulso all’area metropolitana di Reggio e Messina non rimanga l'ennesima incompiuta».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?