Salta al contenuto principale

Retromarcia fatale al campo rom di Cosenza

Basilicata

Il padre, con il suo furgone, non si è accorto della presenza della figlioletta di due anni e l’ha investita. Inutili i soccorsi visto che la bimba era già morta all'arrivo in ospedale

Tempo di lettura: 
0 minuti 39 secondi

Una bambina rom di due anni è morta nel campo nomadi di via degli Stadi a Cosenza. Il padre facendo retromarcia con il suo furgone non si è accorto della presenza della figlia e l’ha quindi investita. Inutili sono stati i soccorsi perchè la bimba è arrivata senza vita nell’ospedale cittadino. Diverse decine di appartenenti al campo rom della città calabrese si sono recati nel nosocomio per avere notizie delle condizioni della piccola. Poliziotti e carabinieri, allarmati dalla presenza di tante persone, sono intervenuti temendo che potessero esserci problemi di ordine pubblico ma sul posto hanno appurato che la presenza dei nomadi è dovuta al modo che la comunità ha di esternare il proprio dolore in caso di eventi tragici. La magistratura cosentina non ha ritenuto di disporre l’ autopsia sul corpo della piccola.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?