Salta al contenuto principale

Un volume per prevenire il bullismo

Basilicata

Incontro questa mattina per stabilire la distribuzione del volume «Bullismo – conoscerlo per prevenirlo», nato da un progetto del Servizio Civile

Tempo di lettura: 
1 minuto 17 secondi

Si è svolta questa mattina una riunione tra dirigenti scolastici delle scuole medie e superiori di Reggio Calabria ed alcuni rappresentanti dell’ufficio del Servizio Civile: Tonino Serranò, consigliere delegato al il settore; Elio Longo responsabile del Servizio e Giovanni Giacobbe responsabile del monitoraggio. L’incontro si è tenuto per stabilire le modalità di distribuzione volume dal titolo «Bullismo – conoscerlo per prevenirlo», nato da un progetto del Servizio Civile, precisamente da un gruppo di ragazzi che hanno monitorato, per un anno, alcune scuole del centro cittadino, per concludere, poi, il progetto con un convegno nazionale che si è svolto nel dicembre del 2007.
Dalla riunione è emersa la determinazione di organizzare una serie di appuntamenti all’interno degli Istituti scolastici reggini che rappresentino momenti d’incontro tra docenti ed alunni, durante i quali affrontare il delicato argomento. L'iniziativa nasce anche dall’esigenza di illustrare il contenuto del testo sul bullismo, captando, così, una maggiore attenzione da parte dei ragazzi e sensibilizzandoli verso il delicato argomento. Gli incontri saranno anche occasione per proiettare un video, realizzato sempre nell’ambito dello stesso progetto. «Sono entusiasta – ha affermato Tonino Serranò – per aver constatato l’apertura e la disponibilità dei rappresentanti delle scuole, che si sono fatti addirittura promotori di questa interessante iniziativa che l'Amministrazione Comunale, in testa il sindaco Giuseppe Scopelliti, e la mia Struttura, sosterranno con grande impegno. Considero queste iniziative di fondamentale importanza soprattutto in un momento storico in cui purtroppo dobbiamo far fronte a gravi fenomeni legati alla violenza giovanile. Considero, inoltre, il dialogo con i ragazzi un passaggio necessario per prevenire tali comportamenti».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?