Salta al contenuto principale

Un crotonese nominato vescovo dal Pontefice

Basilicata

C'è anche un sacerdote crotonese fra i nuovi vescovi nominati oggi dal Pontefice. Si tratta di don Antonio Staglianò

Tempo di lettura: 
1 minuto 28 secondi

Un sacerdote crotonese è stato nominato dal Pontefice, fra i nuovi vescovi: don Antonio Staglianò è stato destinato alla diocesi di Noto. L’annuncio è stato dato questa mattina nella Basilica cattedrale di Crotone dall’arcivescovo monsignor Domenico Graziani.
Il neo vescovo eletto è nato ad Isola Capo Rizzuto il 14 giugno 1959 ed è stato ordinato sacerdote nel 1984. Il vescovo eletto di Noto è il terzo sacerdote della diocesi di Crotone ad essere nominato vescovo; prima di lui era toccato all’attuale arcivescovo di Crotone, monsignor Domenico Graziani e a monsignor Luigi Cantafora, vescovo di Lamezia Terme.
Ad aprire la lista dei nuovi vescovi ordinati a Crotone era stato nel 1993 monsignor Giancarlo Maria Bregantini, attualmente arcivescovo di Campobasso e prima vescovo di Locri-Gerace.Don Staglianò attualmente è parroco di Le Castella (frazione di Isola Capo Rizzuto); vicario episcopale per la cultura dell’arcidiocesi Crotone – Santa Severina; per oltre un decennio è stato direttore dell’Ufficio catechistico, dell’Ufficio Scuole e pastorale della Scuola e e dell’Ufficio Cultura. Nell’ottobre del 2003 è stato nominato da Benedetto XVI «adiutor secretarii specialis» alla XI Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei Vescovi; è presidente della Fondazione «Nostra Signora di Guadalupe» che organizza ogni anno un percorso popolare di Bioetica e un Congresso internazionale di studi sui problemi bioetici. Dal 2002 è direttore dell’Istituto teologico calabro; professore ordinario di Cristologia, Teologia Trinitaria e Teologia della Pastorale; dal 1994 al 2002 è stato invitato nei corsi di specializzazione di Teologia fondamentale alla Pontificia Università Gregoriane; dal 1989 al 1995 membro del Consiglio nazionale dell’Associazione teologica italiana; dal 1997 è teologo consulente del servizio nazionale della Cei per il progetto culturale; docente di Teologia fondamentale nell’Issr all’Apollinare, Ateneo romano della Santa Croce dal 1990 al 2005. Il neo vescovo di Noto ha al suo attivo una vasta produzione letteraria in materia teologica e filosofica e diverse raccolte di poesie.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?