Salta al contenuto principale

Regione: entro marzo il Quadro territoriale

Basilicata

Entro marzo sarà presentato il documento preliminare del Quadro territoriale e paesaggistico; La decisione, al termine di una «due giorni» di incontri

Tempo di lettura: 
3 minuti 23 secondi

Entro il prossimo mese di marzo sarà presentato il documento preliminare del Quadro territoriale e paesaggistico, uno strumento che rappresenta una rivoluzione nel campo della pianificazione regionale e darà il via a una nuova stagione urbanistica, attraverso un percorso di partecipazione ai processi di pianificazione in Calabria.
La decisione è scaturita al termine di una «due giorni» di incontri, svoltasi nella sede dell’assessorato il 22 e 23 gennaio scorsi, tra Regione e Province al fine di facilitare il processo di costruzione di un sistema coerente di previsioni urbanistiche, territoriali e paesaggistiche tra il livello regionale e i livelli provinciali, in continuità con gli incontri che si sono già svolti nei mesi passati, per definire in maniera coerente le visioni strategiche dello sviluppo dei territori.
Alla riunione, presieduta dall’assessre Michelangelo Tripodi, erano presenti il gruppo di lavoro per la redazione del "Quadro", guidato coordinatore scientifico Alberto Clementi, i componenti della direzione tecnico-scientifica e i consulenti del Qtr, il gruppo operativo e la segreteria tecnica; Rosaria Amantea, dirigente generale del Dipartimento regionale; Pietro Mari, assessore all’Urbanistica della Provincia di Cosenza e Antonio Perri, dirigente della stessa Provincia, Antonio Leone, dirigente dell’Urbanistica e il gruppo di lavoro del Ptcp, guidato da Salvatore Ruperto e Concettina Fallanca, per la Provincia di Crotone; Michele Tripodi, assessore all’Urbanistica, Pietro Foti, dirigente Urbanistica, e il gruppo di lavoro del Ptcp per la Provincia di Reggio Calabria; Angelo Alcaro, Maurizio Mancuso, Pierluigi Mancuso e Alfredo Gigliotti per la Provincia di Catanzaro.
La scommessa ambiziosa dell’assessore Tripodi, condivisa dall’intero Esecutivo regionale, è quello di adottare un documento di pianificazione regionale, pienamente discusso, confrontato e condiviso con il territorio.
Concertazione e partecipazione sono le linee guida dell’assessorato: il metodo nella definizione di strumenti e scelte che interessano il territorio e la comunità calabrese e il mezzo per raggiungere obiettivi di sostenibilità. Il gruppo di lavoro del Qtr si è confrontato, in diverse occasioni, con le Province e i Comuni capoluogo, proprio perchè la redazione di questo importante strumento di pianificazione passa attraverso il confronto con i rappresentanti delle amministrazioni calabresi e i gruppi di lavoro impegnati nella redazione dei Piani territoriali di coordinamento provinciale, al fine di seguire un percorso comune, il più possibile condiviso per la redazione dei piani ai diversi livelli, tenendo conto anche dello stato di avanzamento della elaborazione dei Piani territoriali di coordinamento provinciale. Tripodi, aprendo i lavori, ha ribadito la volontà politico - programmatica della Giunta regionale di dotare la Calabria del Qtr, uno strumento che stabilisce gli obiettivi generali e le strategie della pianificazione regionale e indirizza ai fini del coordinamento la programmazione e la pianificazione degli enti locali. Durante gli incontri con i rappresentanti delle Province e i gruppi di lavoro per la redazione dei piani territoriali di ordinamento provinciale, si è lavorato per mettere in coerenza, attraverso un percorso condiviso e concertato, i contenuti del documento preliminare del Qtr con quelli degli strumenti di pianificazione provinciale adottati o in fase di redazione.
Ci si è confrontati con le previsioni dei piani relativi agli aspetti delle articolazioni degli assetti territoriali, alle articolazioni degli assetti paesaggistici (regionali o di area vasta), alle previsioni infrastrutturali e relazionali e al sistema dei vincoli, con particolare riferimento ai vincoli idrogeologici, ambientali e delle aree protette. Lo strumento di pianificazione che indicherà gli indirizzi e le strategie di sviluppo del territorio regionale, e sarà caratterizzato da sussidiarietà, partnerariato, congruenza con i territori per la pianificazione, fissando poche regole certe, forti e chiare che governino le trasformazioni. che consentirà di presentare la bozza del documento preliminare al territorio in tutte le sue articolazioni istituzionali, politiche, sociali, culturali e professionali attraverso incontri pubblici.
La bozza del documento preliminare del Qtr, condiviso con le Province, sarà presentata nelle prossime settimane alla visione del presidente Loiero e degli assessorati regionali. Successivamente sarà avviata una campagna di comunicazione lle cinque province calabresi. Il traguardo di questo percorso sarà la redazione definitiva del documento preliminare del Qtr paesaggistico che sarà proposto all’esecutivo regionale per l’approvazione per poi essere trasmesso al Consiglio regionale, a cui spetta il compito dell’approvazione definitiva.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?