Salta al contenuto principale

A Palazzo Arnone "L'arte da amare"

Basilicata

L'iniziativa, in occasione della Festa di San Valentino, è promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Tempo di lettura: 
1 minuto 39 secondi

Anche quest’anno, in occasione della Festa di San Valentino, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali propone una giornata dedicata all’arte e alla cultura.
Lo slogan prescelto, "Innamorati dell’Arte", è un invito a visitare e conoscere l’immenso patrimonio culturale italiano insieme alle persone amate, per condividere le emozioni e la gioia che l’arte suscita in chi vi si accosta.
La Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Calabria, diretta da Fabio De Chirico, presenta, nel giorno dedicato al patrono degli innamorati, un ricco programma dal titolo L’Arte da amare. Alle ore 10.30 a Cosenza, nella Sala delle Udienze di Palazzo Arnone, sede della Soprintendenza BSAE della Calabria e della Galleria Nazionale di Cosenza, si terranno due interessanti iniziative. Nella prima verrà presentato il dipinto «Marte e Venere di Frans Wouters», allievo di Rubens ed esponente di spicco della pittura fiamminga di età barocca. L’opera, capolavoro della collezione Carime di Cosenza, sarà presto esposta, assieme al resto della pregevole raccolta, nella Galleria Nazionale di Cosenza. All’iniziativa, coordinata da Nella Mari, storico d’arte della Soprintendenza, interverranno Melissa Acquesta, Francesca Mandarino e Federica Toscano, giovani laureate dell’Unical ed attualmente impegnate in uno stage formativo presso la Soprintendenza BSAE della Calabria. Un accattivante cadeau, un segnalibro appositamente realizzato dalla Soprintendenza BSAE della Calabria, verrà distribuito al pubblico presente alla manifestazione. A seguire Rosanna Caputo, storico d’arte della Soprintendenza BSAE della Calabria, terrà una conversazione dal titolo Lo sguardo di Eros. Sentimenti e passioni nell’arte dal Romanticismo ai contemporanei, nel corso della quale verranno presentati alcuni capolavori della cultura figurativa dell’Ottocento e del secolo scorso, il cui filo conduttore, di grande suggestione e fascinazione, è l’amore. Da Il bacio di Hayez a La lettera d’amore di Fragonard, straordinarie raffigurazioni dell’amore romantico sino ad una selezione di opere contemporanee da Klimt a Magritte, da Picasso a Chagall, a Munch, potenti espressioni dell’eros, forza generatrice di arte e vita.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?