Salta al contenuto principale

San Valentino ai tempi dei centri commerciali

Basilicata

Grande partecipazione al punto shopping di Rende, "Metropolis", con il poeta Franco Dionesalvi protagonista per un giorno, che ha messo a servizio la sua arte per gli innamorati

Tempo di lettura: 
1 minuto 26 secondi

Ci sono mille modi per dire «Ti amo», il problema spesso è che siamo un pò reticenti a metterlo nero su bianco! E così, innamorati in cerca di idee e stanchi di affidare i loro pensieri a un asettico sms si sono affollati, il giorno più dolce dell’anno, al Centro Commerciale Metropolis di Rende.
Un pomeriggio romantico trascorso passeggiando mano nella mano alla ricerca del regalo perfetto. Un San Valentino ricco di idee e spunti per rendere indimenticabili i momenti passati con la propria metà. Come lo stand di trucco estetico dedicato agli innamorati o l’angolo del ritrattista, dove le coppie hanno posato per un souvenir da conservare gelosamente. Un San Valentino soprattutto pieno di poesia nelle gallerie del Centro. La vera novità di quest’anno, per regalare alle coppie un pò di tenerezza e un momento dedicato alla loro storia d’amore. Atmosfere d’altri tempi al Metropolis con un «poeta-scrivano», un cantastorie e un musico. Fornendo il nome dell’amato, una sua descrizione e qualche particolare della storia, il poeta confeziona un sonetto su misura e il cantore lo recita accompagnato dalle note di un mandolino. Insomma, archiviate le vecchie serenate al balcone, al Metropolis si recita l’amore! Protagonista il poeta Franco Dionesalvi che per un giorno ha messo a servizio la sua arte per un nobile scopo: «La poesia è troppo confinata nei salotti, in luoghi elitari, un bene che è diventato solo per pochi – spiega- la poesia nasce, invece, tra la gente e deve tornare nei luoghi dove si vive, e noi poeti dobbiamo arrivare lì dove c'è vita». Coadiuvato dal bravo William Gatto, è lui il cantastorie che intrattiene le coppie di innamorati, assieme agli artisti del Parco Letterario "Tommaso Campanella" di Cosenza.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?