Salta al contenuto principale

Tonno Callipo, caccia ai play off

Basilicata

Volley Serie A1 Maschile. Battuto nettamente Modena e salvezza praticamente acquisita. Servizio, difesa, muro e un super Diaz firmano il successo

Tempo di lettura: 
3 minuti 14 secondi

Un doppio consecutivo 3-0 il Tonno Callipo non l’aveva mai messo a segno nella stagione. E’ arrivato Uriarte, o se volete è andato via Gulinelli, e la squadra vince 3-0 a Martina Franca e rimanda in Emilia il Modena con sul groppone un 3-0 che deve far riflettere a Zanini e compagni. Ma questi sono problemi del Modena. In casa Callipo, invece, di colpo sembra essersi accesa la luce. Molti fondamentali funzionano a meraviglia e la determinazione, la voglia e l’attenzione alle cose da fare stanno portando a quei risultati che il “costruttore” di questa squadra giustamente aspettava. La salvezza può dirsi acquisita. A quattro giornate dal termine ben dieci punti separano i giallorossi
dalla quartultima posizione. Un vantaggio tranquillizzante anche alla luce del fatto che ci sono ben tre squadra tra il Tonno e il Forlì. Sono altre le squadre che devono preoccuparsi per restare nella massima serie, qui a Vibo si può dare la caccia ai play off, anche se l’obiettivo è piuttosto difficile, anche perchè questo Verona(ma c’è anche il Treviso, che gioca oggi) ha fatto punti anche a Perugia. Ok, è difficile ma sperarci può rappresentare uno stimolo per finire al meglio la stagione. La gara col Modena. Uriarte rimette in campo il sestetto vittorioso a Martina Franca e trova importante conferme. Primo fra tutte il fondamentale di difesa. Già a Martina Franca questo fondamentale di gioco aveva fatto la differenza e oggi non solo si è ripetuto ma è addirittura migliorato.
Uno spettacolo. “Si difende solo se si ha la voglia giusta per farlo”, diceva un grande allenatore. Evidentemente questa voglia adesso c’è. Altra conferma è arrivata dal fondamentale del servizio. Ottimo a Martina Franca devastante con il Modena. La squadra gialloblù ha potuto giocare poco al centro proprio grazie alla
battuta di Vibo che ha messo in condizione Travica di correre a destra e manca. Pensate che della batteria dei centrali ospiti solo Sidao si è difeso benino.
Altra conferma è arrivata dalla bontà dell’attacco giallorosso. Ieri i tre martelli sono finiti tutti in doppia cifra dando sicurezza al palleggiatore. Insomma un bel vedere. Poco importa che Modena ha deluso le attese. In questi casi non si sa mai dove finiscono i meriti dell’uno e dove iniziano i demeriti dell’altro. Il Tonno Callipo ha gestito la partita a suo piacimento. Sempre in vantaggio, anche largamente, solo nel primo set ha consentito agli ospiti di avvicinarsi per poi chiudere con autorità. Gli altri set sono vissuti solo di luce giallorossa, una beneaugurante luce giallorossa che ha spento decisamente le ambizioni del Modena. Sui singolo una nota di merito particolare per Diaz. Il venezuelano ha disputato una grade gara, mettendo a terra anche i palloni più difficili. Senza per questo voler far torto alla battuta di Simeonov, devastante come ai tempi migliori. Ovviamente c’è soddisfazione in casa Vibo: il Tonno adesso piace e nessuno qui vuole spegnere la fiammella della speranza di un posto ai ply off. Men che meno il ds Chico Prestinenzi: «Perché non dovremmo pensare ai play off. Abbiamo - continua Prestinenzi - quattro gare da giocare in cui speriamo di fare il massimo dei punti e l’ottavo posto è ancora in gioco. A questo gioco vogliamo partecipare anche noi. La società e la squadra hanno questo obiettivo da tentare di raggiungere. Col Modena abbiamo giocato molto bene. Una gara intelligente e tatticamente molto bene impostata. La squadra sta lavorando bene e i risultati di questo lavoro sono sotto gli occhi di tutti». Sotto allora, è iniziata la caccia ai lay off e il calendario dà una mano al raggiungimento di questo obiettivo. Due squadre nel mirino giallorosso Verona e, udite udite, Treviso. Dal calendario e dalla qualità del gioco che le due squadre esprimono sarebbe bene sparare su Treviso anche perché in Veneto le cose non vanno proprio
alla grande: problemi su problemi, ultimo del dimissioni di Bruno Da Re.

Renzo Andropoli

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?