Salta al contenuto principale

Papa Giovanni XXIII, raggiunto un accordo

Basilicata

Sottoscritta una lettera di intenti per il fitto e la cessione dei beni dell’Istituto Papa Giovanni XXIII di Serra d’Aiello

Tempo di lettura: 
0 minuti 44 secondi

E' stata sottoscritta nella Curia arcivescovile di Cosenza la lettera di intenti per il fitto e la cessione dei beni dell’Istituto Papa Giovanni XXIII di Serra d’Aiello tra la fondazione omonima, che fa capo alla stessa Arcidiocesi cosentina, e la società Fiorile.
La lettera di intenti, che di fatto segna l’avvio dell’iter per la cessione della gestione dell’istituto, è stata sottoscritta dall’arcivescovo di Cosenza, mons. Salvatore Nunnari, e dal rappresentante della Fiorile.
«L'accordo dovrà ora essere esaminato nelle competenti sedi istituzionali». Nell’istituto Papa Giovanni XXIII sono ricoverate, attualmente, trecento persone affette da gravi patologie fisiche e psichiche.
La struttura attraversa da tempo una grave crisi finanziaria e gestionale dopo nel luglio del 2007 ne è stato arrestato il direttore, don Alfredo Luberto, nell’ambito di un’inchiesta condotta dalla Procura della Repubblica di Paola (Cs) che ha portato all’accertamento di una serie di illeciti.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?