Salta al contenuto principale

Beni per 500 mila euro confiscati a Crotone

Basilicata

I Carabinieri hanno ciondotto l'operazione nei confronti dei possedimenti del presunto boss Fiorello Maesano considerato dagli investigatori il reggente dell'omonima cosca

Tempo di lettura: 
0 minuti 41 secondi

Beni mobili ed immobili per un valore di 500 mila euro sono stati confiscati dai carabinieri di Crotone ad un presunto boss della 'ndrangheta. Si tratta di Fiorello Maesano, di 40 anni considerato dagli investigatori il reggente dell’omonima cosca della 'ndrangheta di Isola Capo Rizzuto. La confisca è frutto di un provvedimento emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale locale. Tra i beni confiscati ci sono un fabbricato sito nel comune di Borgo Tossignano (Bologna), un autocarro, un’autovettura, una citycar e una somma in contanti di ben 76 mila euro.
Maesano che in questo momento è detenuto nel carcere di Lecce a giugno del 2008 è stato condannato per associazione mafiosa ed estorsione aggravata dal metodo mafioso nell’ambito del processo scaturito dall’operazione Puma condotta dal pm della Dda di Catanzaro Pierpaolo Bruni. Per lui sette anni e dieci mesi di reclusione.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?