Salta al contenuto principale

Ferrovie, sciopero contro i tagli di Trenitalia

Basilicata

Proteste dei lavoratori e dei sindacati per il piano di investimenti ritenuto inadeguato. Soppressi otto treni. Intanto chiude lo scalo merci di Cosenza

Tempo di lettura: 
0 minuti 44 secondi

Ferrovie in agitazione e disagi per gli spostamenti ieri in Calabria. Sono otto i treni locali soppressi a causa dello sciopero del personale di Trenitalia in servizio in Calabria, e tenuto oggi dalle 9 alle 17. L’astensione dal lavoro è stata decisa dai sindacati Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Orsa e Fast Ferrovie in segno di protesta contro il piano di investimenti previsto da Trenitalia per la Calabria, ritenuto inadeguato. Sono sempre di meno, infatti, i treni che uniscono i centri calabresi con Roma e il resto d'Italia. Ma non solo a venire ridimensionati sono anche gli scali merci.Ieri è stato definitivamente chiuso quello di Cosenza, con ben 19 lavoratori messi in mobilità dalla ditta di servizi attiva presso lo scalo. Per quanto riguarda i disagi causati dallo sciopero, tra iconvogli a lunga percorrenza, l’unico che è saltato è stato, come da programma, "l’Antenna Jonica" Lamezia Terme-Reggio, prolungamento in Calabria dell’Intercity 753.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?