Salta al contenuto principale

Sequestro di beni ad un imprenditore di Acri

Basilicata

La Guardia di finanza di Acri ha sequestrati beni per un valore di 500 mila euro nell’ambito di un’operazione che ha portato alla scoperta di una frode nel comparto degli incentivi alle imprese

Tempo di lettura: 
0 minuti 39 secondi

Al centro delle indagini un imprenditore operante nel settore alberghiero che, fatturava operazioni inesistenti e documentava costi fittizi. L'uomo, non solo avrebbe evaso il fisco ma avrebbe percepito indebitamente finanziamenti pubblici pari a 445.428,58 Euro. I fondi sarebbero stati erogati alla sua impresa per l'ammodernamento della struttura alberghiera nell’ambito di un programma di investimenti denominato «Patto Territoriale Silano», approvato dal Ministero delle Attività Produttive.
Le Fiamme Gialle hanno eseguito una verifica fiscale e accertato la falsità del fatturato passivo presente nell’impianto contabile dell’imprenditore, individando anche i «flussi finanziari di ritorno».
I finanzieri hanno apposto i sigilli su beni immobili e mobili appartenenti all’imprenditore accusato di truffa aggravata ai danni dello Stato. In particolare sono stati sequestrati due fabbricati adibiti ad attività commerciale; due fabbricati privati; 14 appezzamenti di terreno e 6 automezzi.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?