Salta al contenuto principale

Tonno, impresa solo sfiorata

Basilicata

Volley Serie A1. La squadra di Uriarte manca il colpo del kappaò contro i campioni d’Italia di Trento. Un peccato capitale, ma i giallorossi meritano gli applausi dei loro tifosi

Tempo di lettura: 
2 minuti 31 secondi

di NICOLA BALDO
Applausi e complimenti ed un posto nel libro dei record per la Tonno Callipo Vibo Valentia, ma la vittoria è dei campioni d'Italia. Gara1 dei quarti di finale playoff premia l'Itas Diatec che la spunta al quinto set su un Vibo Valentia autore di una partita splendida. Capace di giocare alla pari dei tricolori,
arrendendosi però solamente alla fisicità trentina in battuta. In un quinto set pazzesco dove Kaziyski in battuta rimonta da 14-11 per Vibo, con la vittoria ormai ad un passo, ad uno storico 14-14 con quattro ace consecutivi. Vibo ci resta di sasso, l'1-0 nella serie era ad appena un punticino...
Ora restano solo i complimenti e quell'urlo di vittoria strozzato in gola proprio sul più bello. In campo coach Uriarte recupera all'ultimo Paolino Cozzi, col centrale milanese però non c'è Simeonov e l'opposto lo fa ancora Contreras. Il primo allungo calabrese arriva a metà primo parziale grazie al turno al servizio di Raphael ed ai muri di Barone prima su Vissotto e poi su Kaziyski (12-15). Contreras fa 15-20 per la Tonno Callipo, col turno dai nove metri di Kaziyski però l'Itas si riavvicina (19-21) e Uriarte deve chiamare time-out. Stessa cosa che pochi scambi dopo fa Stoytchev quando Sammelvuo fa 20-23. Finché l'attacco di Contreras, dato out dal segnalinee ma giudicato toccato a muro dal primo arbitro Perri chiude il set. Grazie agli errori di Contreras e Cozzi Trento va avanti in avvio secondo set (5-2), ma proprio un muro dell'ex centrale di Milano e Piacenza
riporta tutto in parità (6-6). Sono sempre gli errori degli ospiti a spingere
i trentini (12-8), ma se poi Kaziyski trova due ace di fila allora per i campioni d'Italia il vantaggio viene facile (16-13). Ma un irresistibile Diaz riporta il set sul filo dell'equilibrio (17-16 e 18-18), ma prima due ace di fila di Grbic e poi il muro di Vissotto su Contreras sigillano il set per i trentini (21-18).
Sempre Kaziyski spinge i suoi in avvio di terzo set (10-7), Trento in battuta ora tira sempre e comunque a tutto braccio visto che con ricezione anche solo positiva Raphael è autore di una ottima prova (12-10). Il set è battaglia vera palla su palla (15-15), ma l'Itas trova l'allungo con Vissotto (20-17). Si arriva così ad un concitato finale di partita nel quale Vibo grazie al turno al servizio di Diaz trova un parziale di 5-0: da 20-17 a 20-22. Bravissimi sono i calabresi a chiudere il parziale, stringendosi poi in un lungo abbraccio al centro del campo. Ma nel quarto set è battaglia solo nelle battute iniziali: i turni al servizio di Winiarski e Kazisyski valgono l'allungo trentino (20-17). Con Cozzi che si prende l'applauso di tutto il pubblico per aver ammesso il tocco a muro su una palla molto importante: a lui il premio sportività della serata. Si va così ad un quinto set nel quale l'esito è quello detto.
Adesso Vibo aspetta gara-2 per provare a compiere il miracolo fino alla fine.
Appuntamento a domenica al palaValentia di Vibo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?