Salta al contenuto principale

L'OPINIONE
Il Sud una risorsa per uscire dalla crisi

Basilicata

Nei prossimi diciotto mesi più di mezzo milione di italiani perderanno il posto di lavoro. Negli ultimi tre mesi del 2008 l'occupazione si è ridotta di 126mila unità

Tempo di lettura: 
3 minuti 15 secondi

di SERGIO D'ANTONI*
Nei prossimi diciotto mesi più di mezzo milione di italiani perderanno il posto di lavoro. Negli ultimi tre mesi del 2008 l'occupazione si è ridotta di 126mila unità. Nello stesso periodo, l'industria meridionale ha perso 70 mila addetti, l'edilizia altri 30 mila. Non è disfattismo, nè il ragionamento di qualche sciagurato che crede nel tanto peggio tanto meglio. Sono dati oggettivi, forniti dai più importanti osservatori nazionali, dall'Istat alla Svimez, dalla Confindustria al Cnel. Indicatori che gettano una luce impietosa sull'insufficienza delle misure anticrisi messe in campo dal governo di Silvio Berlusconi. La recessione fa chiudere le aziende, divora l'occupazione e rende sempre più esiguo il potere d'acquisto delle famiglie. Uno scenario che porta alla memoria le peggiori fasi congiunturali del nostro Paese. Ma che in realtà ha
specificità tutte sue che la rendono molto peggiore per una ragione. La bufera che sta investendo l'Italia, innescata da cause esterne, ha fatto esplodere le contraddizioni e le enormi divergenze di reddito, ricchezza e produttività
esistenti all'interno nel nostro Paese. Per questo, diversamente dagli scenari congiunturali classici, questa recessione sta colpendo e colpirà nei prossimi mesi soprattutto le aree deboli del Sud. Siamo, insomma, di fronte a una crisi sistemica, che può essere affrontata solo con energiche riforme tese a riequilibrare la ricchezza tra fasce sociali e territori. Cosa sta facendo il Governo per riequilibrare i livelli di ricchezza nel nostro Paese? Meno di nulla.
La squadra del Cavaliere continua a sottovalutare gli effetti e soprattutto le cause della crisi. Prepara la sua cura a base di pannicelli caldi fatta di esigui bonus famiglia (che premiano i single), scarsi ammortizzatori sociali (pagati dalle regioni deboli) e social card mai caricate (una panacea, sì, ma solo per i produttori di carte di credito). Soprattutto, l'esecutivo non prevede alcuna
azione specifica per il Sud. Al contrario, finanzia le misure nazionali più disparate con le risorse destinate allo sviluppo delle aree in ritardo, aumentando così il divario tra Settentrione e Meridione. Per avere la misura di questa tara antimeridionalista, basti pensare che ora il governo ha intenzione
dirottare 140 milioni del Fas per rimborsare le sanzioni imposte agli allevatori furbi del Nord che - a scapito degli allevatori onesti - hanno sforato le quote latte imposte dall'Unione europea. Nel complesso, quella adottata dall'esecutivo è ricetta disastrosa che non migliorerà, ma anzi peggiorerà le condizioni che hanno portato alla situazione attuale. Se vogliamo davvero affrontare i nodi della crisi occorre muoversi su un doppio binario. Da una parte servono energiche e profonde riforme strutturali tese al riequilibrio delle risorse e delle
opportunità tra ceti sociali e territori. In questo senso è fondamentale porre al centro della politica di sviluppo nazionale la questione meridionale, provvedendo
a istituire strumenti specifici per il rilancio e la crescita del Mezzogiorno. Contemporaneamente servono interventi immediati, che tutelino gli ex lavoratori
e la capacità d'acquisto dei cittadini più poveri. Il Partito Democratico ha già
esposto le sue proposte. Progetti di immediata applicabilità, come il riconoscimento di un'indennità pari al 60 per cento dell'ultimo compenso a chiunque perda il lavoro, o il fondo straordinario di solidarietà per aiutare quelle famiglie che vivono in condizioni di estrema indigenza. Accanto a queste due misure d'urgenza i democratici invocano il ritorno a reali politiche meridionaliste e redistributive, come il ripristino di fiscalità di sviluppo per gli imprenditori meridionali e un utilizzo rigoroso dei fondi europei destinati alle agli investimenti produttivi del Sud, prosciugati nell'ultimo anno di oltre 20 miliardi di euro. Cosa dobbiamo aspettarci da questo governo? Purtroppo gli
orizzonti peggiorano di giorno in giorno. Ne è la prova il cosiddetto decreto incentivi, partito come salva-auto e trasformatosi modifica dopo modifica nell'ennesima “manovrina” pagata dalle zone deboli. Rinunciando a recepire le proposte del Pd sugli ammortizzatori sociali, bocciando le riforme necessarie a tutela delle fasce e delle aree sottosviluppate, l'esecutivo dimostra ancora
una volta di sottovalutare gli effetti della crisi e di avere una visione politica complessiva miope, pasticciata e gravemente antisociale.

*Responsabile Mezzogiorno del Partito Democratico

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?