Salta al contenuto principale

Catanzaro, due denunce per l'aggressione nel derby

Basilicata

Durante la sfida dei giallorossi con la Vigor Lamezia hanno aggredito un ragazzo. Oltre alla denuncia per i due tifosi catanzaresi sono scattate le diffide per tre anni

Tempo di lettura: 
1 minuto 3 secondi

Individuati e denunciati dalla Polizia i responsabili dell’aggressione avvenuta nel corso del derby Catanzaro-Vigor Lamezia, disputato il 22 febbraio, all’interno dell’area destinata al transito degli spettatori, ai danni di un giovane catanzarese ventenne (identificato in A.I.E.). Due individui pretendevano di accedere allo stadio, subito dopo l'intervallo, attraverso il varco corrispondente alla porta carraia. Il malcapitato si trovava sul luogo dell’aggressione in quanto fino a qualche attimo prima aveva prestato ausilio al padre il quale, a sua volta, svolge compiti di pratica collaborazione con la società  del Catanzaro. Il ragazzo era stato minacciato e percosso. Gli autori della violenza, dopo il raid, del tutto incuranti, si erano allontanati indisturbati , dirigendosi verso l’ingresso della Curva Ovest, confondendosi fra il pubblico. Personale della squadra tifoserie della DIGOS aveva portato immediato soccorso alla vittima, con la collaborazione dei Sanitari del servizio di emergenza presente al «Ceravolo» avviando l’attività  investigativa. Si è così pervenuti alla individuazione ed identificazione degli aggressori che, conseguentemente, sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Catanzaro, in concorso, per minacce, lesioni personali e per violazione alle norme che disciplinano la corretta fruizione degli impianti sportivi.Si tratta di D.M. 28 anni, e R.G. 34. entrambi catanzaresi. I due sono stati anche diffidati per 3 anni (Daspo).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?