Salta al contenuto principale

Pizzo, consegnati i lavori per completare il collegamento via ascensore

Basilicata

Stillitani: «l'ascensore è un simbolo. È la dimostrazione che in Calabria le cose si possono e si devono realizzare. La realizzazione dell’opera agevolerà il flusso dei cittadini nella parte bassa del

Tempo di lettura: 
1 minuto 52 secondi

Il centro storico di Pizzo sarà collegato con la sua spiaggia, grazie alla consegna dei lavori di completamento del collegamento verticale tra il lungomare Cristofaro Colombo e Piazza Benedetto Musolino.
Questa mattina è stata firmata tra il rappresentante dell’impresa e il direttore dei lavori la scheda tecnica che sul piano formale prevede l’avvio materiale degli atti per la realizzazione delle opere relative al completamento dell’opera stessa. Un investimento di 250mila euro per completare opere già realizzate negli anni passati e definire compiutamente l'opera stessa rendendola fruibile.
Un progetto che doveva essere ultimato nel 2002 ma che come ha spiegato il presidente del consiglio con delega ai lavori pubblici Francescantonio Stillitani, «non si concretizzò in quanto, la giunta di centro sinistra che subentrò alla guida del comune, scelse di non continuare l’opera che la precedente amministrazione aveva progettato e realizzato concretamente».
Il progetto che prevede i lavori di completamento del collegamento verticale tra il lungomare Cristofaro Colombo e Pizza Benedetto Mugolino, è stato illustrato questa mattina nel corso di una conferenza stampa nei locali del Castello, dal presidente del consiglio comunale, Francescantonio Stillitani, con delega ai lavori pubblici e dal sindaco Fernando Nicotra, «il quale ha sottolineato che la consegna dei lavori per il completamento dell’ascensore è uno dei punti prioritari e programmatici che ci eravamo posti di realizzare. Con la consegna dei lavori si fa concreta la nostra azione amministrativa e rappresenta un fattore di grande rilevanza sociale, economica e turistica».
Per noi, ha aggiunto Stillitani «l'ascensore è un simbolo. È la dimostrazione che in Calabria le cose si possono e si devono realizzare. La realizzazione dell’opera – ha spiegato Stillitani – agevolerà il flusso dei cittadini nella parte bassa della città evitando così il ricorso a veicoli che, soprattutto d’estate, diventano elementi inquinanti, ma rappresenterà anche una specie di cordone ombelicale perchè unisce due grandi importanti realtà della nostra città la Marina e la Vecchia Pizzo, ma non mancherà di diventare anche una attrazione dal punto di vista turistico, perchè – ha aggiunto – è l’unica struttura in tutta la Calabria. Ma rappresenterà anche – ha concluso – uno strumento di mobilità interna che aiuterà in tanti a muoversi con facilità e rappresenterà un grande strumento di comunicazione interna per gli anziani e per le persone diversamente abili».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?