Salta al contenuto principale

Vibo, continua l'escalation di attentati incendiari

Basilicata

Non si fera l'ondata di incendi nel vibonese. Dopo i gravi fatti di questi giorni, è toccato all'auto di un anziano di San Costantino e allo studio medico di Gerardo D’Urso

Tempo di lettura: 
0 minuti 48 secondi

La scorsa notte alcuni ignoti avevano incendiato l’autovettura di un pensionato di 83 anni, G.F. a San Costantino. Stamattina l'attentato incendiario a S. Onofrio, nel vibonese, ai danni di un medico. Tutto questo dopo i gravi fatti che hanno interessato il caponnone agricolo dello stabilimento Schiariti e diversi altri di due giorni fa.
Ignoti, dopo aver deposto una tanica di liquido infiammabile sul davanzale dell’ambulatorio, hanno appiccato il fuoco, provocando seri danni. L’attentato è avvenuto in via Casal Vecchio in pieno centro abitato. La vittima stavolta è il dottor Gerardo D’Urso, 54 anni, medico di base, del luogo. Danneggiati il portone ed i vetri del locale. Annerite anche gli arredi e le parete interne dello studio. Le fiamme si sono poi spente. D’Urso, persona molto nota in zona, qualche anno addietro ha ricoperto la carica di presidente dell’Ordine dei medici della provincia di Vibo Valentia. Indagini sono state avviate a cura dei Carabinieri della stazione del luogo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?