Salta al contenuto principale

Vivicittà, domenica prossima a Crotone si corre per l’Abruzzo

Basilicata

Anche a Crotone il 19 aprile si svolgerà l'edizione 2009 di "Vivicittà", a favore delle popolazioni colpite dal terremoto

Tempo di lettura: 
1 minuto 50 secondi

Domenica prossima si "corre" per l'Abruzzo in 34 città italiane con Vivicittà 2009 tra le quali Crotone. Vivicittà 2009 invece, si svolgerà anche in 20 città del mondo, tra cui Belem (Brasile), Bron (Francia), Budapest (Ungheria), Gomel (Bielorussia), Kinshasa (Congo), Marajo (Brasile), Marseille (Francia), Nova Gorica-Gorizia (Slovenia), Pola (Croazia), Prijedor (Bosnia-Herzegovina), St Etienne Du Rouvray (Francia), Sarajevo (Bosnia-Erzegovina), Setubal (Portogallo), Tuzla (Bosnia-Herzigovina), Varna (Bulgaria), Viana (Brasile).
Una corsa per la solidarietà, per raccogliere fondi, perchè lo sport unisce anche a molti chilometri di distanza, perchè non c'è tempo da perdere.
L'Uisp – organizzatrice della manifestazioen podistica – ha deciso di trasformare la sua manifestazione simbolo in una corsa per la solidarietà, d’accordo con i dirigenti e i volontari abruzzesi dell’associazione che in queste ore sono coinvolti nelle operazioni di soccorso, a disposizione della Protezione Civile.
Ogni partecipante alla 'corsa più grande del mondo', sia in Italia sia all’estero (tanto alla competitiva di 12 chilometri quanto alla non competitiva di 3 o 4 km) contribuirà alla raccolta fondi Uisp-Solidarietà Abruzzo che è stata lanciata oggi (informazioni sul sito www.uisp.it).
Il filo rosso della solidarietà legherà insieme tutti i valori e i significati che Vivicittà, giunta alla XXVI edizione, ha acquisito negli anni: una corsa podistica messaggera di ambiente, pace, inclusione e interculturalità nel mondo. Il via verrà dato alle 10.30 di domenica 19 aprile in diretta dai microfoni del GR1 Rai. Coinvolti anche 20 carceri e istituti minorili italiani, da Opera (Milano) a Rebibbia (Roma).
L'impegno centrale di Vivicittà rimane quello dell’ambiente: da tre anni vengono sperimentate modalità organizzative 'verdì che prevedono l’utilizzo di materiali ecologici, la distribuzione di acqua di rete, l'incentivazione del trasporto pubblico o su due ruote per i partecipanti e la raccolta differenziata. È stato calcolato che questi accorgimenti, per una manifestazione così complessa e partecipata, consentiranno una riduzione di 83,3 tonnellate di C02. Questi sono i partner dell’Uisp per l’operazione Vivicittà ad impatto zero: Coordinamento delle Agende 21 italiane; Federambiente; Life Gate (Impatto Zero). Nel suo sforzo organizzativo l’Uisp è affiancata quest’anno dal Segretariato sociale Rai, dai Ministeri degli Affari Esteri, della Giustizia, del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, dal Ministro della Gioventù, dalla presidenza del Consiglio dei ministri, e gode dell’alto Patronato del Presidente della Repubblica.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?