Salta al contenuto principale

Lotta al racket, la proposta calabrese prende corpo a Firenze

Basilicata

Per rompere il legame tra vittima e carnefice, tra taglieggiatore mafioso ed imprenditore ricattato l’assessore Francesco Sulla ha proposto di sanzionare chi paga il pizzo

Tempo di lettura: 
1 minuto 48 secondi

Per rompere il legame tra vittima e carnefice, tra taglieggiatore mafioso ed imprenditore ricattato l’assessore alle attività produttive della Regione Calabria, Francesco Sulla, ha proposto di inserire nelle norme regionali una sanzione amministrativa per chi paga il pizzo.
Un’idea fatta propria ed approfondita oggi al convegno di Firenze «Toscana e Calabria unite contro il racket» anche dall’ex procuratore nazionale antimafia Piero Luigi Vigna, dal sostituto della procura nazionale antimafia Alberto Cisterna, dal vicepresidente della commissione parlamentare antimafia Luigi De Sena e da numerosi esponenti delle associazioni di volontariato e di amministrazioni locali che sono intervenuti per dare vita ad una «rete civica di solidarietà alle imprese colpite dal racket».
L’iniziativa, informa una nota dell’Ufficio Stampa della Giunta regionale della Calabria, si basa sui contenuti del “Protocollo di collaborazione» sottoscritto dal vicepresidente della Regione Toscana Federico Gelli e dal presidente della Regione Calabria Agazio Loiero nell’agosto del 2006. Questo progetto prevede una serie di azioni di sensibilizzazione ed incontro, per oltre due settimane, che uniscono la promozione della cultura della legalità con quella dei prodotti di qualità, per sostenere le imprese calabresi, in particolare quelle che hanno subito e denunciato estorsioni ed attentati mafiosi e che si oppongono pubblicamente al racket.
“Un fenomeno in rapida crescita – è scritto nella nota – in quanto la crisi economica indebolisce le imprese ed ingrassa la criminalità organizzata». Sulla ha spiegato che la sanzione, una volta appurato il coinvolgimento dell’azienda nella dazione alla criminalità organizzata, potrebbe portare all’esclusione da gare d’appalto, bandi di finanziamento pubblico, sospensione temporanea dei permessi dell’attività. «Non sarebbe un modo per penalizzare ulteriormente l’imprenditore colpito dal ricatto della 'ndrangheta – ha sostenuto Sulla – ma anzi una sua tutela dall’aggressione per due motivi: darebbe una motivazione economica alla volontà di non pagare il 'pizzò per il rischio generale di mettere in crisi l’attività e quindi giustificare il rifiuto; stimolerebbe maggiori denunce alla magistratura con l'attivazione anche dei finanziamenti a sostegno dell’impresa come in questo caso prevede la legge. Bisogna proteggere di più il territorio dalle infiltrazioni mafiose, ma anche evitare che le regole della concorrenza vengano stravolte a danno degli imprenditori onesti e coraggiosi».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?