Salta al contenuto principale

Postiglione, fiducia a tempo ad Arleo

Basilicata

Il proprietario del Potenza condede i sette giorni all'allenatore che, per salvare il posto, deve obbligatoriamente battere il Marcianise

Tempo di lettura: 
2 minuti 38 secondi

di Pietro Scognamiglio
FIDUCIA a tempo. Pasquale Arleo ieri era regolarmente al suo posto per la ripresa degli allenamenti, ma contro il Marcianise si giocherà la panchina. Si capisce come vanno questa cose. Lo lascia intendere senza troppi giri di parole Giuseppe Postiglione, definendo quella di domenica una gara in cui “anche il pareggio verrebbe interpretato dalla società come una sconfitta, abbiamo a disposizione un solo risultato”. Non è scesa giù al proprietario del Potenza la prestazione della squadra in Umbria: “adesso sappiamo di essere condannati ai play out - attacca il patron - ma proprio in vista degli spareggi sarei molto preoccupato se l’atteggiamento mentale della mia squadra fosse quello mostrato a Terni, al di là di qualche azione episodica in cui siamo risultati pericolosi”. Postiglione abbassa l’asticella, perchè l’obiettivo massimo che si può raggiungere è cambiato: “se avessi voluto esonerare ora Arleo l’avrei fatto già sabato sera, la fiducia nei suoi confronti c’è ma da qui alla fine dobbiamo raccogliere almeno dodici punti, vincendo obbligatoriamente domenica, parlare di salvezza diretta è ormai difficilissimo ma almeno voglio scegliere chi affrontare per gli spareggi salvezza raggiungendo la posizione di classifica più utile”. Attenzione però anche all’avversario più vicino, “un Marcianise a cui vanno i miei più sinceri complimenti - racconta Postiglione - per come sta onorando lo sport, conosco il presidente Bizzarro come un personaggio eclettico ma dal grande spessore morale, come hanno messo in difficoltà la Juve Stabia lo faranno anche con noi nonostante la salvezza ormai raggiunta, non mi ha sorpreso domenica il loro successo ma più che altro la scarsa consistenza della Juve Stabia, nostra diretta rivale per evitare l’ultimo posto”.
NOTIZIARIO Ripresa degli allenamenti a ranghi ridotti ieri al Viviani: Suppa e Mangiapane hanno saltato la seduta per sottoporsi a terapie personalizzate, stesso discorso per Scardini alle prese con lo stiramento che lo terrà fuori ancora per un po’. Il recupero dei primi due è da considerarsi obiettivo essenziale in vista di domenica: il trequartista siciliano è alle prese con un doppio problema (piede e spalla), la speranza è che possa risolvere almeno una criticità. E’ rientrato nei ranghi, a ritmo ridotto, anche Alessandro Sabatino, che Arleo vorrebbe portare in panchina per non forzare eccessivamente un recupero comunque rapido dal versamento patito ad un muscolo dell’anca. Differenziato anche per Sarno e Cantoro (per entrambi affaticamento agli adduttori), Dei con un problema alla spalla e Patarini alle prese con noie muscolari, comunque di poco conto per l’ex melfitano.
SOLIDARIETA’ Il Potenza ha aderito al fondo tra le società organizzato dalla Lega Pro per destinare contributi alle popolazioni dell’Abruzzo. In accordo con il Lions Club Potenza Host, presieduto dal dott. Michele Santoro, la società rossoblu sta cercando di organizzare per la prima quindicina di maggio un incontro amichevole il cui ricavato verrà devoluto totalmente all’emergenza terremoto. Sono in fase avanzata i contatti con un paio di società di serie B, su tutte l’Avellino. Il Potenza Sport Club ha anche appoggiato la raccolta di beni di prima necessità promossa dal gruppo Ultras, fornendo ai tifosi il gazebo che fino a sabato sarà aperto a tal fine davanti all’ingresso della curva.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?