Salta al contenuto principale

Rende: terremoto, ingegneri Unical in Abruzzo

Basilicata

La notizia è stata data dal direttore del dipartimento, Giuseppe Frega, che ha fornito i particolari di questa nuova iniziativa che vedrà coinvolto l’ateneo di Arcavacata

Tempo di lettura: 
1 minuto 18 secondi

Cinque esperti del dipartimento di difesa del suolo dell’Università della Calabria sono da stamattina in Abruzzo per monitorare le condizioni strutturali degli edifici scolastici colpiti dal terremoto. La notizia è stata data dal direttore del dipartimento, Giuseppe Frega. «I nostri tecnici - ha dichairato il decano - avranno il compito di monitorare lo stato cui si trovano le scuole della zona, accertandone l’eventuale utilizzabilità o indicando gli interventi necessari per ripristinarne la funzionalità. Si tratta – prosegue ancora – di un contributo importante per la graduale ripresa delle attività economiche, culturali ed educative in Abruzzo, giacchè il gruppo di ingegneri geo-tecnici vanta una consolidata esperienza in questo tipo di interventi e saprà certamente rendersi utile per il raggiungimento degli obiettivi che ad esso saranno assegnati. Ma – conclude Frega – si tratterà anche di un momento altrettanto rilevante di verifica del bagaglio di conoscenze e della capacità applicativa in questo settore da parte dello stesso Dipartimento, i cui rappresentanti avranno la possibilità di conoscere da vicino le conseguenze del sisma e i suoi effetti sulla edilizia dell’area colpita del terremoto». L’Università della Calabria è impegnata su diversi fronti a favore delle popolazioni abruzzesi colpite dal sisma. L’area informatica dell’ateneo ha predisposto un servizio automatico che consentirà ai docenti e ai dipendenti di indicare la somma da trattenere sul proprio stipendio e da devolvere successivamente, nei modi e nelle forme più opportune, attraverso la Crui a favore dei senza tetto. Nei prossimi giorni, invece, saranno definite in dettaglio altre iniziative finalizzate a favorire il reinserimento degli studenti abruzzesi nel circuito formativo universitario.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?