Salta al contenuto principale

Caso Strati, Un progetto per leggere le opere dello scrittore

Basilicata

Riunione a Rende. Saranno coinvolte le scuole di Cosenza e provincia per far si che le opere dello scrittore reggino si rivolgano ai giovani

Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

Portare Saverio Strati nelle scuole e con lui far crescere l’amore per la lettura. Perché in Calabria si legge molto poco - un buon libro può vendere trecento copie - e se non si riparte dai ragazzi, e quindi dalla famigia e dalla scuola, sarà molto difficile invertire questa tendenza negativa.
E’ l’obiettivo emerso da un incontro promosso presso il Museo del Presente dall’assessore alla cultura del Comune di Rende, Delly Fabiano, al quale hanno partecipato il drammaturgo Vincenzo Ziccarelli, l’onorevole Franco Laratta, l’assessore provinciale di Cosenza Pietro Mari, l’assessore alla cultura del Comune di Cosenza, Salvatore Dionesalvi, e il direttore del Quotidiano, Matteo Cosenza. Lo scopo era fare il punto sulle iniziative per Saverio Strati.
Si è preso atto con soddisfazione che la pratica per l’applicazione della legge Bacchelli allo scrittore calabrese sta seguendo il suo iter senza intoppi e che l’approvazione definitiva di quella che sarà chiamata legge Strati avverrà nella prossima riunione del Consiglio regionale, ma è stato sottolineato che sebbene queste due iniziative ridurranno il disagio in cui si trova Strati, esse non modificheranno il dato poco confortante della scarsa lettura che si registra in Calabria come la vicenda Strati ha dimostrato. Da qui la decisione di avviare un progetto per stimolare la lettura nelle scuole.
E’ stato concordemente deciso di utilizzare il libro che sarà pubblicato con i dieci racconti che Strati ha dato al Quotidiano, per avviare una campagna capillare di lettura nelle classi di Cosenza e provincia. I tre assessori hanno assicurato il concreto impegno delle tre istituzioni per la riuscita di questo progetto che sarà comunicato alle scuole nel giro di qualche settimana per concordare la sua attuazione a partire dall’inizio del prossimo anno scolastico. Molti finalmente conosceranno e discuteranno le opere del maggiore scrittore calabrese.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?