Salta al contenuto principale

A proposito di ronde

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 39 secondi

27691
La lega, animata da patriottismo “padano”, si è data come mission la pulizia etnica, intende cioè, ripulire il sacro suolo padano da tutti quegli extra-comunitari che circolando liberamente per le strade, risultano offensivi della dignità e del decoro dei “ lumbard” che al solo vederli gli si rivolta lo stomaco, e dove per extra-comunitari non s’intendono soltanto coloro che provengono da paesi che non fanno parte della comunità europea, ma il concetto è allargato a tutti quelli che provengono da comuni che sono al di fuori del territorio padano. Tramontata l’idea di costituire un corpo di polizia padano, come si era ventilato all’inizio della nascita della lega, hanno ripiegato sulla costituzione di ronde formate da volontari, che a gruppi di tre, dovrebbero controllare il territorio da possibili “invasioni barbariche”. Per fortuna il parlamento sta prendendo tempo per decidere sulla questione ma, immaginate un po’, se dovesse, per motivi di governabilità, cedere alle richieste della lega, cosa accadrebbe: i volontari andrebbero reclutati tra tutti coloro che ne faranno richiesta, ed a questo punto, interessante sarebbe il profilo psicologico di queste persone, appartenenti a fascie sociali varie, ma tutte animate da uno “spirto guerriero” che gli ruggisce dentro. D’accordo, sarebbero disarmate, ma fino a quando? Probabilmente fin quando non ci scapperà il morto per mano di qualche balordo, poi, la gente perbene insorgerebbe, gridando a gran voce che non si possono mandare in giro disarmati dei giovani o anche non più giovani, perché cadano vittime di orde fameliche di extra-comunitari assetati di sangue. La conseguenza sarebbe che anche questi gruppi si doterebbero di armi appropriate e magari anche di una divisa per essere distinti da altri corpi militari, e la lega avrebbe così il proprio esercito per la difesa del territorio. In seguito, potrebbero, dotarsi di armi nucleari e dettare le loro condizioni. A questo punto, intereverrebbe Obama, ( come se non avesse già abbastanza grattacapi con l’Iran) per trattaere con Bossi. Meno male che ci sono ancora gli americani.

Paolo Praticò

276835329

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?