Salta al contenuto principale

Sanità, presentato a Locri il rapporto Pit Calabria

Basilicata

Sono la burocrazia, il pagamento dei ticket, la carenza o addirittura la mancanza di assistenza domiciliare integrata le difficoltà che i malati incontrano quotidianamente

Tempo di lettura: 
0 minuti 37 secondi

Burocrazia, pagamento dei ticket, carenza o mancanza di assistenza domiciliare integrata le difficoltà che s'incontrano quotidianamente per ottenere le cartelle cliniche nonchè la mancata approvazione del piano sanitario regionale i principali «nei» denunciati col «Rapporto 2008» del «Pit Calabria, Progetto Integrato di Tutela dei diritti dei cittadini» predisposto da «CittadinanzAttiva, Tribunale per i Diritti del Malato». Istituito nel 2001, il Pit permette di denunciare tutte le difficoltà che ostacolano la fruizione del diritto alla salute. Calano le segnalazioni sulle disfunzioni delle prestazioni specialistiche per posti letto e dialisi e per le liste d’attesa; aumentano invece per le carenze nelle dotazioni. Non diminuiscono i problemi relativi alla burocrazia, alle difficoltà dei cittadini, «con patologie croniche invalidanti, nel vedersi riconosciuti alcuni diritti nei tempi previsti dalla legge».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?