Salta al contenuto principale

Il Cappellino di Marco al Giffoni

Basilicata

La storia di infanzia e sofferenza tra i corti del festival del cinema per ragazzi

Tempo di lettura: 
2 minuti 45 secondi

di Fabio Sirago
BERNALDA - Il Cappellino non smette di collezionare successi. Ultimo è quello della proiezione che sarà data all'interno del Giffoni Film Festival 2009. Il film, realizzato a Bernalda dal regista, Giuseppe Marco Albano, dopo i grandi numeri registrati in terra lucana, ha iniziato a catturare l'occhio della critica nazionale. Il tema dell'opera realizzata dal giovane regista bernaldese è molto forte, infatti, la storia parla di una bambina affetta da leucemia. La storia racconta di Clara che convive con questo male. Il corto ha la durata circa quindici minuti ed ha visto un gran numero di attori e comparse, oltre a vari locali commerciali e alla struttura scolastica dove la nostra protagonista incontrerà i suoi compagni di banco. All'interno del cast, come già scritto durante le fasi di ripresa e di montaggio, ci sono alcuni grandi nomi tra cui Regina Orioli, Lucio Montanaro, Antonella Genga, Antonio Andrisani e Mara Spinelli, mentre ad interpretare le vesti di questa bambina è Aurora De Giorgio, bernaldese e molto brava. Ebbene si, una bravura che Aurora ha nel sangue e questo ce lo ha confermato proprio il regista, Giuseppe Marco Albano, il quale ci ha parlato di complimenti che giungono da tutti per la sua interpretazione. Ma, ritornando al film, scritto e diretto dall'autore lucano Giuseppe Marco Albano e prodotto dall'associazione culturale Basiliciak, si può essere fieri, da bernaldesi e da lucani, in quanto lo stesso è stato selezionato per la finale del prestigioso Giffoni Film Festival 2009. Ma c'è ancora un altro dato che bisogna evidenziare, infatti, dopo soli due mesi dall'inizio della distribuzione nei Festival Italiani ed Internazionali, il cortometraggio, di Albano, ha riscosso enormi successi, i quali hanno conosciuto solo un trend di crescita in positivo. Infatti, sono diversi i premi e i riconoscimenti ricevuti. E questo è sottolineato anche dalla selezione ufficiale in 20 Festival Italiani. Tra questi: il Salento Finibus Terrae Film Festival (Lecce), il Valsusa Film Festival (Condove-Torino), il Solofra Film Festival (Solofra-Avellino), il Youngabout Festival (Bologna), il Valdarno Cine Festival (S.G.Valdarno-Arezzo), il Video Festival Imperia (Imperia), il Cinemadamare Film Festival (Costa Jonica), il Festival del Cinema Europeo (Lecce), il Capri Art Film Festival (Capri), La notte dei corti Viventi (Matera), il Cuveglio Film Festival (Cuveglio-Varese), il Lenola Film Festival (Lenola-Latina), il Round Film Festival (Rimini), il Essi Girano Film Festival (Sesto Fiorentino) e appunto il Giffoni Film Festival. “Come non essere entusiasta per questi numeri”. Questo il commento di Giuseppe Marco Albano. “Il film - ha detto Albano - sta riscuotendo enormi successi. Moltissimi anche i complimenti - ha continuato il giovane regista bernaldese - da parte degli addetti ai lavori per la protagonista della storia, l'attrice Aurora Di Giorgio, considerata da tutti un vero talento cinematografico. Il suo sguardo così intenso e vero ha regalato emozioni forti al pubblico, proprio come un'attrice professionista. A fine Maggio - ha concluso Albano - verrà presentato a Bernalda il DVD ufficiale del Cortometraggio, distribuito grazie al contributo dell'associazione Domos Basilicata, che servirà per raccogliere fondi per la ricerca scientifica”. Intanto il giovane regista, ci ha rilasciato l'esclusiva del suo prossimo lavoro, sempre per un film breve, considerato davvero molto pretenzioso per alcuni, visto che è una storia che parte dagli anni '70 ed arriva ai giorni nostri e, nei suoi minuti, racconterà la vita di una famiglia circense, con a seguito tigri, leoni, pagliacci, giocolieri e trapezisti.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?